Analisi

Gigio, stai attento! Plizzari, Guarnone e Soncin crescono bene

Scritto da  | 

La scuola dei portieri rossonera sta continuando a sfornare moltissimi talenti. Gigio è avvisato.

E’ iniziato tutto un paio di stagioni fa. Diego Lopez si fa male e Sinisa Mihajlovic – in accordo con il veterano Abbiati – sceglie il giovanissimo Gigio Donnarumma. Da quel momento il classe ’99 con fare alquanto dinoccolato che a volte ricorda Pippo, non si sposterà più da lì. Mano a mano che passano le partite, le prestazioni aumentano di rendimento, il prezzo sale e le prime voci girano. Real Madrid, PSG, Chelsea, sono solo alcuni nomi che – con Raiola agente – possono e devo per forza di cosa saltare fuori. Si arriva poi all’estate 2017 e la famosa, oramai in tutto il mondo, telenovela del contratto: rinnovo-non rinnovo, la questione fratello Antonio e alla fine il prolungamento a cifre monstre. Qualcosa con i tifosi si è rotto. Una crepa insanabile porta i supporters rossoneri ad esaltare il proprio fenomeno nei momenti migliori, ma allo stesso tempo a pungerlo come mai prima d’ora.

In casa Milan però, si può stare tranquilli. In un’epoca in cui ogni canale televisivo mostra una partita, non è certamente difficile fermarsi a guardare un match della Primavera o delle giovanili in generale. Negli ultimi anni il Milan sta sfornando talenti in ogni ruolo ma ciò che più salta all’occhio è la scuola dei portieri.

IN SERIE B

Dopo Gigio infatti, il più conosciuto e anche più affermato – al momento gioca in Serie B – è Alessandro Plizzari, per gli amici Plizz. Il classe 2000 è attualmente in prestito nella serie cadetta alla Ternana. Dopo un inizio di stagione eccellente rispetto agli altri componenti della rosa, tra buone prestazioni e miracoli, il portiere si è uniformato al momento della squadra. Livello di prestazioni più basso , qualche errore di troppo ma che comunque gli permettono di essere uno dei migliori nella sciagurata stagione degli umbri. Se Gigio dovesse partire, Plizzari – dopo questa stagione di apprendistato – potrebbe essere pronto al definitivo salto di qualità. D’altra parte, l’ex presidente Silvio Berlusconi disse di lui un gran bene: «Anche più forte di Donnarumma».

LA PRIMAVERA

Se guardiamo chi ancora si trova tra le mura di Milanello, o per meglio dire del Vismara, abbiamo Alessandro Guarnone e Matteo Soncin. Entrambi già nel giro della prima squadra (qualche panchina tra Campionato e TIM Cup), il primo classe ’99 mentre il secondo addirittura un 2001. I due si dividono la porta della Primavera con Guarnone il titolare e il piccolo Soncin portiere di TIM Cup che ieri ha raggiunto la finale.

Il Milan può quindi dire di essere coperto ancora per molti anni. Sicuramente questa abbondanza creerà anche qualche malumore perché in campo, di portieri, ce ne va uno solo. Tutto, o forse tanto, dipenderà dal futuro di Gigio Donnarumma. Intanto godiamoci questi giocatore che faranno ancora per qualche anno le fortune del Milan. Questa generazione di talenti fa stare tranquilli tutti.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *