Edicola

Ancelotti: «Gattuso è l’anima del Milan. Rivedo molti dei miei concetti»

Scritto da  | 

Diversi sono gli attestati di stima che stanno arrivando in questo periodo a Gattuso che sta raccogliendo i frutti del suo lavoro. Anche Ancelotti ha detto la sua alle pagine della Gazzetta dello Sport.

Quando si ha la fortuna di avere un allenatore come Carlo Ancelotti e si ama il calcio oltre che il Milan, potrebbe risultare facile apprendere i concetti base dell’allenatore. Questo è quanto sta accadendo ora a Rino Gattuso che, sta raccogliendo i frutti del proprio lavoro. La squadra è unita e il gioco si vede e con essi arrivano anche i risultati. Proprio Carlo Ancelotti alle pagine della Gazzetta dello Sport, ha parlato del suo ex discepolo e ora attuale allenatore rossonero. Ecco le sue parole: «Se mi aspettavo che Gattuso riuscisse a risollevare il Milan in così poco tempo? Sinceramente ci speravo, ma non ne avevo la certezza. Quando si subentra in panchina ci sono sempre molte incognite, molti dubbi, molti ostacoli da superare. Rino è stato bravo a dribblare le difficoltà e a farsi seguire dai giocatori. Se riesci a essere credibile ai loro occhi, allora puoi ottenere qualsiasi risultato. Rino lo vedo come un autentico condottiero. Ha in pugno il gruppo, i ragazzi andrebbero nel fuoco per lui, e questo aspetto è determinante nel calcio e, in generale, nella vita. Gattuso è l’anima del Milan e i giocatori mettono a disposizione le loro conoscenze e le loro energie per arrivare al successo: è la strada giusta».

E poi: «Seguo tutte le partite del Milan, d’altronde sono un vecchio romantico, e quando vinciamo esulto anch’io come una volta. Non c’è una cosa in particolare che mi ha colpito di Gattuso allenatore, però l’altra sera mi aspettavo che la bandierina riuscisse ad aggiustarla con il nastro adesivo… Ecco, a ripensarci adesso, è l’unica mossa che non gli è riuscita: per il resto non ha sbagliato nulla Ha impiegato poco tempo a creare l’alchimia giusta. A volte servono mesi, anni. Rino, invece, ci ha messo un mesetto, ma è stato avvantaggiato dal fatto di aver fatto parte del Milan, di conoscere la storia di questa società. Non c’è angolo di Milanello che abbia segreti per lui. Rino è stato un pilastro del mio Milan, che si rifaceva a una precisa filosofia di gioco e di gestione. Ora, con molta saggezza, sta cercando di riportare quei valori al centro del progetto. Si va lontano soltanto se la società, la squadra e l’ambiente, inteso come pubblico, sono un blocco unico e camminano nella stessa direzione. Quando ci sono scollature, i risultati sul campo non arrivano. Questo Milan come il mio Milan? Non esageriamo, i valori tecnici sono diversi. Però la strada è la medesima. Costruire un gioco sulla base delle qualità tecniche dei singoli. Nel Milan di Rino, lo ammetto, rivedo i concetti del mio Milan. Poi, d’accordo, gli interpreti non sono gli stessi, ma non si può mica avere tutto dalla vita…Se questo Milan può arrivare in zona Champions League? Se continua su questi ritmi, sì. Però non mettiamo troppa pressione, ragioniamo partita per partita. Per conquistare la Champions bisogna che quelli davanti frenino. I rossoneri hanno il dovere di farsi trovare pronti nel caso in cui Roma, Lazio e Inter avessero qualche difficoltà. Visto da dove è partito, comunque, è già un grande risultato essere qui a parlare di Champions. Vi ricordate la depressione di qualche tempo fa? Per il Milan arrivare davanti all’Inter sarebbe un grandissimo traguardo. Ma in questo momento vedo i nerazzurri molto in difficoltà e, se si vuole raggiungere la Champions, probabilmente bisogna programmare la rincorsa su Roma e Lazio».

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *