Analisi

Milan, nessuna reazione sull’inchiesta Corriere della Sera-Gabanelli! La società resta serena e sicura

Scritto da  | 

Ennesima nube sul Milan o meglio ennesima inchiesta giornalistica che mette in dubbio tutto il Mondo rossonero e il futuro dello stesso club guidato da Yonghong Li.

In quel di Casa Milan non si può essere sereni un attimo che subito bisogna provare a difendersi da accuse provenienti soprattutto dai media. E’ questo, ormai, il “tormentone” della nuova era rossonera capitanata da Yonghong Li. L’ultimo polverone, in ordine cronologico, è stato sollevato dalla Gabanelli – Corriere della Sera – che in pratica avrebbe raccolto indiscrezioni secondo le quali, l’attuale presidente rossonero mentre stava acquistando il club di via Aldo Rossi sarebbe stato condannato a risarcire dei debiti con alcune banche, mettendo all’asta una sua società.

Bene, senza tornare troppo nel merito della situazione (si cadrebbe in situazioni davvero complesse e impossibili da spiegare), da quanto ci risulta, non ci saranno reazioni ufficiali della società soprattutto perché tutto è tranquillo e il piano di rifinanziamento procede (basta pensare che Marco Fassone ieri era a Londra). A dare man forte, inoltre, all’inutilità di questa inchiesta possiamo dire (senza entrare troppo nel merito della compravendita del Milan) che, prima e dopo l’acquisizione dello stesso club, tutti gli assets del presidente hanno superato controlli antitrust, Lega, Figc e tutti quelli sulle caparre e sul suo patrimonio con varie due diligence condotte da fior fior di professionisti. Anche Elliot, inoltre, ha fatto i suoi controlli prima di concedere il prestito.

Ergo, senza farla troppo lunga, il Milan è tranquillo – almeno fino all’ultimo scoop solleva polverone –  e la squadra resta concentrata sul campo non dando ascolto a tutto ciò non concerne il campo. Solo così si può risalire la china. Per il resto verrebbe da dire: “Alla prossima puntata” … 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *