Club

UEL, agli Ottavi sarà Milan-Arsenal. Mirabelli: «Mi dispiace per loro. Abbiamo bisogno di San Siro»

Scritto da  | 

Il commento del ds rossonero e di Christian Abbiati. Quest’ultimo era presente a Nyon.

La partita più affascinante degli ottavi di finale di Europa League sarà, senza dubbio, Milan-Arsenal. Andata a San Siro, l’8 marzo alle 19. Il ritorno all’Emirates, il 15 marzo (7 giorni dopo) alle 21:05. L’ultimo scontro tra Diavolo e Gunners risale al 6 marzo 2012, quando ancora sulla panchina sedeva Massimiliano Allegri. Tra andata e ritorno si concretizzò un 4-3 (4-0 a San Siro e 3-0 a Londra). Soprattutto, a quel tempo, per entrambe le compagini, la musica era quella della Champions League.

Il sorteggio del Milan ha due volti. Da una parte quello del direttore sportivo, Massimiliano Mirabelli, che ha seguito la cerimonia da Milanello in diretta Facebook. Dall’altra c’è Christian Abbiati, presente a Nyon in rappresentanza rossonera. Ecco le parole a caldo – e in tono anche goliardico – del ds rossonero: «Mi dispiace per l’Arsenal (ride, ndr). A parte gli scherzi, sono contento. In questo momento una vale l’altra, meglio una squadra importante come l’Arsenal». Le parole del club manager, sono invece state raccolte da Alessandro Alciato di Sky Sport. «Alla fine eravamo rimaste quattro squadre e sinceramente pensavo prendessimo il Salisburgo – ha esordito Abbiati – con l’Arsenal è una sfida affascinante, storica. Sarà una partita bellissima. Non è l’Arsenal di una volta ma per noi è positivo affrontarli in questo momento, nonostante il tuor de force che stiamo vivendo».

Inifine – a qualche minuto di distanza – sui canali social di Mirabelli, è uscito un messaggio per caricare l’ambiente in seguito al sorteggio. Ecco il contenuto:

«Affascinati dalla doppia sfida con l’Arsenal negli ottavi di Europa League! Ci faremo trovare pronti. Chiediamo a San Siro la carica di cui abbiamo bisogno. Noi siamo il Milan. Con voi».

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *