Stadio News

Milan, il futuro è in casa! Cutrone e Calabria affondano la Roma

Scritto da  | 

I rossoneri sbancano all’Olimpico grazie a due frutti del settore giovanile. Patrick e Calabria – gioielli del Diavolo e della Nazionale – sono la ciliegina sulla torta di un programma giovani eccezionale.

Milan, chi ti ferma più? Anche contro la Roma il Diavolo gioca una grandissima partita e – dopo aver fatto sfogare parzialmente i giallorossi nel primo tempo – colpisce e affonda nella ripresa. Il solito Cutrone – con un gran goal di tacco – e poi Calabria – su assist di Kalinic – metto KO gli uomini di Di Francesco. Gattuso aveva chiesto di pensare partita dopo partita; beh, la prima è andata. Non c’è nemmeno il tempo di esultare, mercoledì ci sarà già il ritorno di TIM Cup contro la Lazio. Si parte dallo 0-0 dell’andata a San Siro.

IL TABELLINO

ROMA (4-3-3): Alisson; Bruno Peres, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini (35’st Gerson), Strootman, Nainggolan (19’st Dzeko); Under (28’st Defrel), Schick, Perotti. A disposizione: Lobont, Skorupski; Capradossi, Florenzi, Juan Jesus, Silva; De Rossi; El Shaarawy.
All: Eusebio Di Francesco.
MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Bonaventura (45’st Montolivo); Suso (37’st Borini), Cutrone (22’st Kalinic), Calhanoglu. A disposizione: Storari, Guarnone; Abate, Gomez, Musacchio, Zapata; Locatelli, Mauri; André Silva.
All: Gennaro Gattuso.

ARBITRO: Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo.
GOL: 3’st Cutrone (M), 29’st Calabria (M).

IL REPORT

Primo tempo molto equilibrato che si conclude sul risultato di 0-0. Nessuna occasione pericolosa, né da una parte né dall’altra. I primi 15 minuti sono a ritmi alti ma Roma e Milan non concretizzano negli ultimi 16 metri. Al primo quarto d’ora segue un momento di confusione che ristagna a metà campo. Poi vengono fuori i giallorossi che mantengano il pallino del gioco rendendosi pericolosi senza però pungere Donnarumma. Il Milan cerca di reagire e viene fuori negli ultimi 5 minuti. Anche in questo caso niente di fatto. Primi 45 minuti ordinati e di grande attenzione per entrambe le compagini.

Succede tutto nel secondo tempo. Il Milan la sblocca subito. Suso – mancato in tutta la prima frazione – si accede e con un cross pesca Cutrone. Il classe ’98 si inventa un colpo di tacco di puro istinto e batte Alisson. Vantaggio rossonero e partita sbloccata. La Roma prova subito a reagire senza però rendersi pericolosa, tutt’altro. E’ infatti il Diavolo a sfruttare i contropiedi ripartendo. Bonaventura prima e Calhanoglu poi non riescono a concretizzare. Dopo la girandola dei cambi c’è il secondo turning point. Cutrone lascia il campo a Kalinic e proprio su un’invenzione del croato nasce il raddoppio. Il numero vede uno spiraglio e imbuca per Calabria. Inserimento perfetto del terzino rossonero che con un tocco sotto scavalca Alisson. 2-0 e partita chiusa. I giallorossi infatti non riusciranno più ad arrivare dalle parti di Donnarumma. Sarà ancora il Diavolo – con il neo entrato Borini – a sfiorare il 3-0.

I NUMERI, SONO 9 VITTORIE Nelle ultime 12 gare, sono 9 vittorie e 3 pareggi con 8 clean sheet e solamente 4 goal subiti. I numeri sono incredibili, sono da scudetto. Il Milan è rinato, ha bisogno di dare continuità per credere in un sogno che – dopo i primi mesi – sembrava più un miraggio. Gattuso ha dato un’identità alla squadra, ne ha creata una dalle macerie di un gruppo che sembrava irrecuperabile. Eppure si diceva “tutto grinta e cattiveria agonistica“…

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *