Stadio News

Milan, in finale ci vai tu! Gigio e Romagnoli, dopo il festival dell’errore dal dischetto, mettono KO la Lazio

Scritto da  | 

Il Diavolo – dopo una lotta durata più di 180 minuti – guadagna l’ultimo atto della TIM Cup. Dopo 14 calci di rigore finisce 5-4. A Milano è festa, ma la testa è già al Derby di domenica.

Non sono bastati i 90 minuti regolamentari. Neppure la mezz’ora dei supplementari. Ci sono voluti i rigori per avere la seconda finalista di questa TIM Cup. Il Milan – dopo una lotta tra andata e ritorno – è uscito vincitore contro la Lazio. Sono serviti 14 calci di rigore per uscirne. L’errore decisivo è di Luiz Felipe che consegna un pallone pesantissimo a Romagnoli. Il centrale – tifosissimo biancoceleste – non perdona. L’appuntamento ultimo del torneo sarà il 9 maggio allo Stadio Olimpico. Come un paio di anni – per la precisione nel 2016 – si sfideranno ancora Milan e Juventus. Questa volta sarà Allegri contro Gattuso.

IL TABELLINO

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Caceres (23’st Luiz Felipe), De Vrij, Radu; Marusic (3’pts Lukaku), Parolo, Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic; Luis Alberto (22’st F. Anderson); Immobile. A disp.: Guerrieri, Vargic, Gabarron, Basta, Nani, Wallace, Bastos, Caicedo, Murgia. All.Inzaghi.

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessie (6’pts Montolivo), Biglia, Bonaventura; Suso (3’sts Borini), Cutrone (25’st Kalinic), Calhanoglu. A disp.: A. Donnarumma, Guarnone, Abate, Gomez, Musacchio, Zapata, Locatelli, Mauri, André Silva. All.: Gattuso.

Arbitro: Rocchi di Firenze.
Ammoniti: 38′ Kessie (M), 12’st Romagnoli (M), 28’st Calabria (M), 47’st Marusic (L), 13’pts Radu (L), 13’pts Milinkovic-Savic (L).
Sequenza rigori: Immobile (L) gol, Rodriguez (M) parato, Milinkovic-Savic (L) parato, Montolivo (M) parato, Leiva (L) parato, Bonaventura (M) gol, Parolo (L) gol, Borini (M) gol, F. Anderson (L) gol, Bonucci (M) gol, Lulic (L) gol, Calhanoglu (M) gol, Luiz Felipe (L) fuori, Romagnoli (M) gol.

IL REPORT

Primo tempo molto bello e ricco di occasioni da una parte e dall’altra. La Lazio gioca molto bene e cerca di sfruttare al meglio gli errori dei rossoneri. Il Milan, dal canto suo, riparte in contropiede e gestisce un buon possesso palla. La prima occasione è però dei biancoceesti. Prima Immobile e poi Milikovic Savic trovano un insuperabile ed eccellente Donnarumma. Arrivano poi gli errori che apparecchiano occasioni asine per la Lazio. Prima Biglia e poi Rodríguez, per concludere con la topica di Donnarumma che non protegge al meglio l’uscita del pallone. La grande chance del Milan arriva al 27’. Calhanoglu batte una punizione dalla trequarti su cui esce Strakosha. Il portiere albanese respinge ma il pallone carambola su Caceres. Nel rimpallo Cutrone prova la deviazione senza inquadrare la porta. I biancocelesti provano anche al 36’. Invenzione di Luis Alberto che mette Immobile davanti a Donnarumma. Gigio ancora una volta è insuperabile. Nel finale di primo tempo si abbassano i ritmi.

Nella ripresa è invece il Milan a partire più forte. I rossoneri – prima con Calhanoglu e poi con Calabria – vanno vicinissimo al vantaggio. La secodna frazione non vede però molte occasioni, né da una parte né dall’altra. La partita staziona molto nel cerchio di centrocampo. Entrambe le squadre temono il minimo errore che – arrivati a questo punto – potrebbe essere fatale.

Dopo lo 0-0 dell’andata, anche il ritorno termina a reti inviolate. Si va quindi ai tempi supplementari in cui il Diavolo sembra più lucido di una Lazio che arretra il proprio baricentro di una ventina di metri. Scoccato il 100′, è Alessio Romagnoli a divorarsi un goal di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pensando di essere in fuorigioco, il difensore romano non inquadra la porta da due passi. Nel mini-intervallo i biancocelesti sembrano scossi e ripartono su buoni ritmi. Eppure, l’occasione migliore (forse di tutto il match) cade sui piedi di Kalinic. Dopo un rinvio lungo, un improvvisato Bonucci tocca per il croato che, a tu per tu con Strakosha, spara alle stelle. Non c’è più tempo.

Rigori:

Immobile (L) ⚽️
Rodriguez (M) ❌
Milikovic Savic (L) ❌
Montolivo (M) ❌
Lucas Leiva (L) ❌
Bonaventura (M) ⚽️
Parolo (L) ⚽️
Borini (M) ⚽️
Felipe Anderson (L) ⚽️
Bonucci (M) ⚽️
Lulic (L) ⚽️
Calhanoglu (M) ⚽️
Luiz Felipe (L) ❌
Romagnoli (M) ⚽️

MORALE ALLE STELLE O STANCHEZZA? Ora la testa è già al Derby di domenica. Il Milan – visti gli impegni ravvicinati – non ha tempo di gioire per le vittorie. Dopo oltre 120 minuti di questa semifinale di TIM Cup, Gattuso dovrà trovare al meglio la combinazione giusta per ricaricare le pile ma allo stesso tempo preparare il match contro l’Inter. La partita di questa sera potrebbe essere controproducente: il morale alle stelle riuscirà a tamponare il fattore stanchezza psico-fisica?

1 Commento

  1. slim4vit opinioni

    28 maggio 2018 at 21:05

    Ciao ! Grazie mille per questo grande blog.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *