Edicola

Gomez: «Non volevo far male a Biglia. Se fosse stato da giallo me lo avrebbero dato»

Scritto da  | 

Il rientro i campo di Lucas Biglia dopo 21 giorni è durato appena un tempo. Un intervento del Papu Gomez, però, lo ha messo nuovamente fuori uso.

Dopo l’ingenerosa espulsione rifilata da Guida a Riccardo Montolivo, in quel di Milanello si raccolgono i cocci sperando che contro la Fiorentina davanti la difesa, non si sia solo Manuel Locatelli tra i convocabili. Nei prossimi giorni, infatti, si papà qualcosa in più circa le condizioni fisiche di Lucas Biglia, toccato duro dal Pupu Gomez che con una ginocchiata dietro la schiena lo ha rispedito diretto in infermeria.

Un episodio che ha mandato su tutte le furie il numero 21 rossonero e il popolo rossonero che avrebbero voluto vedere una sanzione per il capitano dell’Atalanta (cartellino rosso che ci stava tutto vista la conduzione di Guida, anche se è apparsa a senso unico in certi frangenti). Proprio Alejandro Gomez, ai microfoni de La Nacion, in tono un pò polemico, ha detto: «Non vado in campo guardando chi ho davanti. Sono saltato e col ginocchio ho colpito Lucas. Il calcio è così, era fallo ma niente di più, sfortunatamente ho preso Biglia che era di schiena. Se fosse stato da giallo me lo avrebbero dato. Mi dispiace per la situazione che si è creata, non avevo alcuna intenzione di fargli del male».

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *