Analisi

Raiola esecutore di Donnarumma! Storia di un agente che cura solo i propri interessi

Scritto da  | 

Donnarumma, Donnarumma e ancora Donnarumma. Una stagione intensa per il portiere del Milan sotto l’occhio del ciclone per le scelte del suo entourage.

Mino Raiola afferma di guardare gli interessi dei propri assistiti. Tuttavia, con il suo atteggiamento, l’unico interesse che guarda è il suo. Dimostrazione lampante la si è avuta con il caso Donnarumma, diventato caso proprio a causa sua e delle sue scelte, del suo modo di fare guerra a chi ha cresciuto, curato e cullato un talento a partire dal settore giovanile. La scuderia Raiola, però, di tutto questo poco se ne importa. L’importante è mettere tutti contro tutti per un proprio beneficio.

E’ inutile stare qui a nascondersi, anche nel suo modo di parlare, di indire conferenze stampa e quant’altro, Raiola ha avuto un approccio sbagliato. Negli ultimi mesi ha sempre sottolineato che è stato Donnarumma a voler rimanere al Milan ma…! Ecco, proprio quel ma, quel suo intercedere e quei continui contatti con altre società non hanno fatto altro che mettere pressione su un ragazzo di appena 19 anni. Un agente, invece, dovrebbe dare serenità ai propri assistiti. Evidentemente, però, il procuratore italo-olandese dà un altro spessore alla parola serenità. E basta con la storia “Lui merita un club vincente e bla bla bla”. La scusa non regge più. Il Milan ha un progetto, fatto di giovani dal futuro roseo. Le basi sono state poste all’inizio di questa stagione. Ora ha una società solida ma, soprattutto, Donnarumma ha appena 19 anni e una carriera brillante davanti a se. Per chiudere il discorso, dunque, Donnarumma non ha bisogno dell’atteggiamento di Raiola, l’unico a godere in tutta questa assurda vicenda.

1 Commento

  1. manu 34

    16 maggio 2018 at 17:46

    Ai tifosi (sportivi) milanisti la faccenda Donnaruma non e’ piu’ proponibile,certo la o le colpe vanno ben distribuite ma stando cosi le cose e’ meglio chiudere gia’ da oggi. Domenica dovrebbero far gia’ giocare il terzo portiere.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *