Analisi

La “confessione” di Mirabelli, Donnarumma e Cavani, tutto torna

Scritto da  | 

Il Milan difficilmente potrà lanciarsi su un top-player pagandone in toto il cartellino, una mossa opportuna sarebbe quella di imbastire uno scambio. Da qui nasce l’ipotesi Cavani-Milan

Nelle scorse settimane Massimiliano Mirabelli è stato protagonista di un episodio che ha sollevato curiosità e clamore. Stando ai rumors – smentiti dal diretto interessato -, il Ds rossonero in presenza di amici si sarebbe lasciato sfuggire un’affermazione che ha del fascinoso. «Sto pensando ad un nome che farebbe venir giù San Siro». Tali parole pronunciate o meno hanno fatto il giro del mondo e son suonate dolci all’orecchio dei tifosi milanisti. Da lì è partito il toto-nome. Il Milan come noto subirà delle restrizioni dall’UEFA per via del Fair-Play Finanziario, paletti che non impediranno al club di investire, ma ne indicheranno le modalità. Mirabelli dovrà ingegnarsi e a quanto pare, qualcosa si starebbe muovendo.

DONNARUMMA PASSEPARTOUT I nomi che potrebbero far impazzire San Siro sono tanti, ridotti drasticamente se associati all’Europa League e al Fair-Play Finanziario. A centrocampo è noto a tutti che si stiano cercando rinforzi di qualità, ma è l’attacco il reparto più carente. Bocciato Kalinic, ceduto Bacca e incerto Andrè Silva, davanti ci saranno uno o due slot da riempire. Il Milan difficilmente potrà lanciarsi su un top-player pagandone in toto il cartellino, una mossa che potrebbe poi limitare la forza del club per altre trattative. L’alternativa più articolata, ma opportuna, sarebbe quella di imbastire un’operazione che preveda uno scambio. Da qui nasce l’ipotesi Cavani-Milan. Il centravanti del PSG vorrebbe cambiare aria, così come il club francese incentivato da Raiola sarebbe interessato all’ingaggio di Donnarumma, quindi? Operazione di scambio, magari con un conguaglio a favore dei rossoneri. Gattuso necessita di un goleador, un uomo esperto e pronto a livello italiano ed europeo, “El Matador” con i suoi 31 anni e 40 gol stagionali farebbe al caso del Diavolo. I francesi sanno della volontà del loro attaccante, così come non sembrano dispostissimi a spendere 70 mln per acquistare Donnarumma dal Milan. Lo scenario più probabile – sulla carta – è quello di uno scambio, arricchito da almeno 15-20 mln a favore dei rossoneri. Cavani andrebbe a spalmare il suo ingaggio milionario – circa 10 mln netti -, su 3 anni di contratto percependo in pratica quanto guadagnato finora dal portiere milanista – 6 mln netti a stagione -. Nonostante le tante indiscrezioni, le voci circolate finora sono destinate a restare tali. Per far sì che il tutto diventi fattibile serviranno: la volontà del Milan di cedere Donnarumma, la sua richiesta di essere ceduto e da parte del PSG l’accettazione delle condizioni ipotizzate sopra, non ultimo, il benestare di Cavani all’approdo in rossonero.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *