Analisi

Yonghong Li, aumento di capitale e nuovo socio! La “forza” del Presidente ribadita ancora una volta

Scritto da  | 

Sono in arrivo i tanti attesi 32 milioni, così come il socio (di minoranza?) che affiancherà il Presidente Li; ancora grande riservatezza sul nome. Il tutto verrà ufficializzato venerdì, nel corso del Cda in programma?

Dovrò convincermi che il campo de’ miracoli raccontato da Collodi in Pinocchio esista…“, è stato questo il tweet mattutino di Guglielmo Mastroianni, noto giornalista di Mediaset e tifoso rossonero. Una reazione alle prime pagine di questa mattina che – in maniera anche piuttosto clamorosa – annunciavano scenari impensabile fino a qualche giorno fa. Anzi, possiamo parlare anche di ore. Yonghong Li – grazie a quella famosa, anche se in incognito, trasferta milanese – ha portato a termine un’operazione incredibile. Oltre ad aver trovato l’accordo con un socio – la cui identità è ancora segreta – è riuscito a racimolare anche ben 32 milioni (notare l’ossimoro, ndr) per l’ultima tranche di aumento di capitale. Incredibile, per un nullatenente le cui aziende sono tutte fallite… o quasi. La bomba è stata sganciata da La Gazzetta dello Sport – sia cartacea, sia sulla piattaforma digitale – ed ha preso tutti in contropiede. Ma andiamo per ordine…

AUMENTO DI CAPITALE: CONTRO OGNI PRONOSTICO, ECCO I 32 MILIONI

Le fake news, nell’ultimo periodo, si sono sprecate. C’è, addirittura, chi sostentava che una parte dell’ultimo aumento di capitale fosse atteso per il 15. In concomitanza con il Cda previsto. Niente di più falso. In quella data, Yonghong Li – contro ogni previsione e rispondendo ai più critici – confermerà i 32 milioni come ultima tranche da versare. I soldi saranno poi sui conti rossoneri entro fine giugno (come da programma). La data più probabile è quella del 29, in linea con quanto dichiarato da Fassone: «Prima della fine del mese».

NUOVO SOCIO: CHI SARA’?

Nell’annunciato consiglio di amministrazione di venerdì, sarà annunciato anche il nome del nuovo socio – al momento di minoranza, poi… – che diventerà a tutti gli effetti la “spalla” del Presidente. Un nome forte, ricco e potente (non stiamo parlando di Preziosi, ndr) che possa non solo aiutare Yonghong Li sul fronte economico, ma anche – ed in questo momento, soprattutto – dare credibilità davanti alla UEFA. E in caso di esito negativo, con il TAS di Losanna. Il nome – anche se i rumors si sprecano – è ancora segretissimo, ma presto sarà reso ufficiale.

In tutto questo passa in secondo piano la figura di Elliott. Il debito con il fondo americano – sfruttando l’entrata in scena del nuovo socio – potrebbe quindi essere estinto. Yonghong Li sarebbe quindi totalmente slegato da qualsiasi vincolo economico, facendo così uscire di scena Elliott.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *