Club

CdA a Casa Milan: tutto rinviato (come previsto) all’assemblea dei soci del 21

Scritto da  | 

Terminato il consiglio di amministrazione andato in scena presso la sede del Milan. Tutto rimandato al 21, quando si riunirà l’assemblea dei soci.

Si è concluso con un “nulla di fatto” il Cda fissato per le 16:30 di oggi pomeriggio a Casa Milan. Una frase che potrebbe far pensare ad un risultato fallimentare visto le speranze dei tifosi e gli occhi puntati su Casa Milan in questa giornata molto importante per il destino del club di via Aldo Rossi. Eppure, è andato tutto secondo i piani e secondo le previsioni. Un CdA pro forma.

Per l’assenza – preventivata – di Mr. Li e dei consiglieri (Han Li, Renshuo Xu e Bo Lu) , nessuna decisione poteva essere resa ufficiale; niente raggiungimento del quorum costitutivo nonostante la presenza di Scaroni, Cappelli, Fassone e, in conference call, Patuano. Ciò che è stato deliberato – come da programma – riguarda l’assemblea dei soci fissata per il 21 luglio. Da quell’incontro, a cui presumibilmente seguirà il Cda con il nuovo consiglio, uscirà il vero futuro del Milan.

All’uscita da Casa Milan, ha parlato l’avvocato Cappelli spiegando quanto accaduto nel corso dell’odierno consiglio di amministrazione. Ecco le sue parole: «Il consiglio si è di fatto riunito e in assenza della parte cinese non si è formato il quorum costitutivo e perciò la riunione non era formalmente costituita. A quel punto è stata convocata dal presidente del collegio (Franco Papa, ndr) sindacale per il 21. Il 21 si terrà l’assemblea della società che avrà come oggetto il rinnovo del consiglio di amministrazione e la revoca dei consiglieri (cinesi, ndr). Nuova proprietà? Erano presenti solo i consiglieri italiani e non abbiamo indicazioni per il momento. Vedremo all’assemblea. Speriamo che il primo Cda del nuovo consiglio sia subito dopo l’assemblea per poter ridare i poteri e fare tutto ciò che è necessario». Infine ha commentato la possibilità di vedere Paolo Scaroni come nuovo Presidente del Milan: «Non lo so, non sappiamo nulla a riguardo».

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *