Stadio News

Leonardo: «Dobbiamo cambiare la mentalità sia in campo che in società»

Scritto da  | 

Leonardo, così come Gattuso è rammaricato per il risultato finale di Milan-Atalanta.

Non c’è rabbia ma solo grande rammarico per il risultato finale di Milan-Atalanta. A dirlo è anche Leonardo che ai microfoni di Sky Sport si accoda al pensiero di Rino Gattuso. Ecco le parole del dirigente della società di via Aldo Rossi: «E’ successo in altre partite anche, il rammarico rimane perché ci sono tantissime cose positive ma la gestione dei novanta minuti diventa difficile e questo risulta determinante. Rimangono tante cose positive ma dobbiamo crescere in altre, in alcune partite dovevamo portare a casa i tre punti. Mentalità? Non è una scusa ma se andiamo a vedere negli ultimi cinque anni il Milan è finito lontano dalla testa della classifica, è normale perdere la convinzione da grande squadra. Oggi potevamo chiudere il primo tempo sul 2-0 ma anche avendo subito un gol riusciamo andare in vantaggio e dopo ci è venuto il braccino. Dobbiamo cambiare. Ma è normale vedere, dopo anni in quelle zone, pensare che viaggiare tra le prime quattro sia una cosa lontana. Io sono convintissimo che con questa rosa e con questo gruppo possiamo gestire meglio queste situazioni a livello emozionale e chiudere queste partite che ci metterebbero in situazioni diverse. La carica dei leader? Io penso che la leadership arrivi con il tempo. Stiamo parlando di giocatori arrivati l’anno scorso e quest’anno, chiediamo di essere leader velocemente. Donnarumma ha fatto una partita importante, come Suso. Il centrocampo era organizzato, ha dominato, Biglia ha coordinato. La squadra ha avuto il coraggio di costruire dal basso. Ci sono tante cose positive. Higuain che è un leader, la difesa è solida anche con momenti di difficoltà. Dobbiamo vederci come squadra che può fare cose importanti quest’anno. È normale che una squadra come il Milan abbia un’aspettativa da grande squadra, di lottare per cose importanti. Siamo convinti che si possa fare già quest’anno anche vedendo le altre che stanno facendo fatica. L’importante è sapere che i momenti difficili non sono determinanti, dobbiamo guardare avanti e essere tranquilli. Il nostro obiettivo è cambiare la mentalità da settimo posto, possiamo dare un segnale già nelle prossime partite. Gazidis? Serve prendersi delle responsabilità, tutta la società lo deve fare. I campionati li vincono le società. Stiamo costruendo un team, è normale che la cosa sia graduale e sono sincero, penso che anche la società deve avere una mentalità vincente, creando questo intorno a noi diamo un contributo importante alla squadra per ottenere risultati. Siamo in costruzione ma consapevoli di poter fare qualcosa nell’immediato».

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *