Connect with us

Analisi

Milan, è una maledizione: 9 con merito solo a Superpippo, poi il vuoto

Pubblicato

il

L’eredità di Pippo Inzaghi (11 stagioni in rossonero, 300 presenze, 126 gol, 10 trofei) peserebbe come un macigno sulle spalle di chiunque. Ma i Campioni, quelli con la c maiuscola, ai paragoni non badano, sono nati per allontare il passato. Così fece Superpippo che a guardarlo, al suo arrivo a Milanello nel 2001 con quel 9 sulla schiena, c’erano nomi di un certo spessore: Van Basten, Savicevic, Baggio, Weah giusto per elencarne alcuni. Fu uno stimolo, e in poco più di un decenno l’ex Juve riusci a conquistarsi tutto, coppe e affetti. Quello della tifoseria rossonera se lo porterà dietro per tutta la vita.

Dal suo addio a San Siro, dal quel soffocante giro di campo in lacrime il Milan e i suoi tifosi non si sono più innamorati di un numero 9 degno della loro storia. Da Pato a Higuain, la cui avventura milanista sta esaurendosi dopo appena pochi mesi, è stata una debacle dietro l’altra, con alti e bassi a intermittenza ma pur sempre una collezione di fallimenti. Qualcuno anche piuttosto clamoroso.

È il caso di Carlos Bacca, arrivato in pompa magna nell’estate del 2015 con una qualificazione in Europa League firmata in prima persona con il Siviglia e tante belle promesse; fece il minimo il colombiano, non oltre la sufficienza e non bastò visto l’ingente investimento di Via Aldo Rossi (30 milioni di euro). Peggio ha fatto Andrè Silva, in maglia Milan per 38 milioni più bonus, subito in gol con una doppietta allo Shkendija ma spettatore non pagante, praticamente, per il resto della sua recente avventura italiana.

Tra i più clamorosi flop in maglia numero 9, riavvolgendo il nastro, Milano ricorda Fernando Torres, ultimo di una dinastia di punte spagnole indigeste dalle parti di Milanello: per lui 1 gol in 10 presenze. Il nulla. Nella lista anche Matri, Destro e Luiz Adriano, che segnò l’era Mihajlovic. E l’ennesimo vuoto.

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Responsabile: Luca Rosia