Connect with us

Preparazione

A Bergamo con l’elmetto

Pubblicato

il

Rino nasconde la tensione. Alla vigilia di Atalanta-Milan, in conferenza a Milanello, sa benissimo quanto importante sia la posta in palio domani sera a Bergamo (ore 20.30). Però è rilassato, sereno, e scherza con i cronisti prima di accendere i microfoni, e le antenne, sull’impegno più difficile del mese. «Domani ci vuole l’elmetto, giochiamo contro una bella realtà del calcio italiano. Fisicamente l’Atalanta è incredibile e abbina qualità. Serve una grande partita».

Non vuole sentir parlare di sfide facili e sfide più complesse Rino: «Le partite bisogna giocarle. Domani affrontiamo una squadra forte e serve una grandissima prestazione. Bisogna spendere tantissime energie, per novantacinque minuti giocheremo contro gente che non si ferma mai, che ha il dente avvelenato. Vincere anche a livello mentale sarebbe importantissimo».

Il Milan partito alla volta di Bergamo ha sciolto gli ultimi nodi di formazione durante la rifinitura del pomeriggio a Milanello. E proprio a Milanello in settimana hanno fatto visita alla squadra tre grandi campioni del passato, Andrea Pirlo, Massimo Ambrosini e Massimo Oddo: «La loro presenza ha trasmesso qualcosa di positivo – ha commentato Gattuso –, sono rimasto contento di come i ragazzi li hanno accolti. Abbiamo lavorato in settimana con grande serietà, col sorriso, ma con serietà».

La sfida nella sfida metterà difronte, domani allo Stadio “Atleti Azzurri d’Italia”, due degli attaccanti più prolifici del nostro campionato, Duvan Zapata con sedici reti in ventitré presenze in campo (terzo nella classifica marcatori) e Krzysztof Piatek con quindici gol in ventidue partite (quarto): «Kris è un ragazzo che non ama molto parlare – ha detto Gattuso –, le uniche parole che dice sono solo gol, gol e gol… A volte mi dà la sensazione che si stufi nel riscaldamento, come se dicesse ‘perché siamo qui a fare questo, iniziamo a giocare…’. E devo dire che un po’ somiglia a Zapata per qualità tecniche e fisiche».

Ma il segreto di questo Milan che avanza verso l’Europa a testa alta e colleziona punti non è solo Piatek. Si chiama ‘responsabilità’, quella condivisa da tutto il gruppo: «I gruppi importanti nascono dal rispetto, dal dirsi le cose in faccia, dal non essere permalosi. Tanti dei miei ragazzi si stanno assumendo le loro responsabilità. Dobbiamo continuare su questa strada. In questo momento giochiamo bene tecnicamente – ha continuato Rino –, ci stiamo sacrificando tutti quanti e dobbiamo continuare a farlo. Il campionato è lungo, domani è una partita fondamentale».

Continua a leggere
Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Responsabile: Luca Rosia