Resta in contatto con Daily Milan

Stadio News

Milan forza tre, spegne l’Empoli nel secondo tempo

Pubblicato

il

Un fulmine, anzi tre, tutti nella ripresa. Era dal dicembre del 2012 che il Milan non collezionava tre partite consecutive con tre marcature ciascuna. Prima Piatek al suo settimo gol manda San Siro al settimo cielo, poi Kessie con un pallonetto morbido che si prende gioco di Dragowski. Infine Castillejo chiude la cassaforte dopo aver partecipato attivamente alle due azioni precedenti. Il Milan liquida l’Empoli dopo un primo tempo teso, equilibrato, senza grandi sbavature per l’undici di Iachini e una rete annullata dal VAR a Paquetà in offside, e incolla così un nuovo bollino sul pass per la qualificazione in Champions. Il VAR annulla anche un gran gol a Fabio Borini superata l’ora di gioco, ma poco conta. Ora sul radar dei rossoneri arriva la Lazio in Coppa Italia (martedì sera a Roma) e una nuova occasione di allungo sabato, ancora in casa, contro il Sassuolo.

Gattuso sceglie Castillejo nel tridente d’attacco al posto dello squalificato Suso e lascia in panchina la coppia Cutrone-Borini. Sotto un cielo primaverile, in sette minuti San Siro sgrana gli occhi solo su un debole tiro di Caputo, strozzato sul fondo. La partita si gioca in mediana. Al primo vero affondo, al 10′, il Milan trova la rete del vantaggio ma il VAR non convalida. Traversone di Rodriguez e incornata fulminante di Paquetà che spiazza Dragowski: il brasiliano è in posizione di fuorigioco. L’Empoli ingabbia il Milan con giro palla e verticalizzazioni, cercando di pungere prevalentemente sull’out mancino. Al 22′ i padroni di casa ci riprovano, ma il sinistro di Castillejo non è preciso. Lo spagnolo fa il bis da posizione centrale pochi minuti più tardi, Dragowski c’è e salva in angolo. Il match non decolla nemmeno superata la mezz’ora con le due formazioni che sbattono l’una contro l’altra a centrocampo intervallando timidi tentativi oltre la trequarti. Al 32′ punizione per l’Empoli: batte Bennacer, sponda di Silvestre, Piatek allontana di testa. Il Milan affonda ancora sulla sinistra al 40′ e trova l’angolo. La difesa degli ospiti regge, poi sugli sviluppi del corner gli uomini di Gattuso non creano pericoli. La scossa nel recupero: in apertura filtrante di Castillejo per Kessiè, con destro sull’esterno della rete; poi Paquetà cade in area su pressione di Di Lorenzo dopo un cross di Conti, per Giacomelli non c’è nulla. Squadre negli spogliatoio sul risultato di zero a zero.

Pronti via e sono subito brividi: al 48′ l’Empoli accarezza la sua occasione da gol più nitida della serata, due minuti dopo San Siro esplode sull’1-0 di Piatek, settimo sigillo in rossonero per il polacco. Bravo Castillejo a rubare palla sulla trequarti e a servire Calhanoglu, che cede all’ex Genoa: piatto in fondo alla rete. Passano pochi minuti e il Milan raddoppia con uno splendido pallonetto di Kessie. I 48.000 di Milano sono in estasi. Sul 2-0 c’è ancora un tocco di Castillejo, tra i migliori in campo al Meazza. La conferma al 68′. Il 3-0 porta la sua firma: cross di Andrea Conti e tocco vincente dello spagnolo, di prima sul primo palo. Gattuso richiama in panchina Piatek e Paquetà e concede gli ultimi venti minuti in campo a Cutrone e Borini. Dieci minuti più tardi il VAR annulla il poker a Borini, che sfonda centralmente e di sinistro infila l’estremo difensore dei toscani; Cutrone è in posizione irregolare. Il Milan gestisce con tranquillità, l’Empoli cerca di scuotersi con un inutile pressing. Il sipario cala dopo quattro minuti di recupero. Tre a zero.

Milan-Empoli 3-0 (0-0)
Marcatori: 
Piatek al 49′, Kessie al 51′, Castillejo al 67′.
Recuperi: 2’+4′.
Milan (4-3-3): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko (Biglia dall’80’), Paquetà (Borini dal 69′); Castillejo, Piatek (Cutrone dal 69′), Calhanoglu.
A disposizione: Plizzari, A. Donnarumma, Calabria, Mauri, Bertolacci, Montolivo, Abate, Strinic, Cutrone, Laxalt.
Allenatore: Gattuso.
Empoli (3-5-2): Dragowski; Silvestre, Dell’Orco, Veseli; Di Lorenzo, Acquah (Ucan dal 66′), Krunic, Bennacer, Pasqual (Pajac dal 74′); Farias (La Gumina dal 66′), Caputo.
A disposizione: Provedel, Brighi, Traorè, Maietta. Capezzi, Rasmussen, Diks, Oberlin, Nikolaou.
Allenatore:
Inchini.
Note: ammoniti Di Lorenzo (E), Calhanoglu (M)
Squadra arbitrale: Giacomelli (direttore di gara), Liberti e Di Vuolo (assistenti), Minelli (quarto uomo), Piccinini (V.A.R.), Bindoni (A.V.A.R.).

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Responsabile: Luca Rosia