Resta in contatto con Daily Milan

Stadio

Milan di misura col Sassuolo: è terzo posto

Avatar

Pubblicato

il

In sessantaduemila sugli spalti per Milan-Sassuolo è un gustoso antipasto in vista del derby di domenica 17 marzo. In una cornice da Champions, i ragazzi di Rino Gattuso non brillano ma centrano l’importante obiettivo del weekend: tre punti, Inter superata in classifica e terzo posto conquistato.

Sassuolo subito in pressing, Milan bravo a gestire la sfera negli spazi ristretti. Dopo 10′ di studio San Siro applaude la prima conclusione in porta dei rossoneri: ci prova Piatek con un sinistro da fuori area che non impensierisce Consigli. Al minuto 13 con un lungo applauso lo stadio rende omaggio a Davide Astori, scomparso un anno fa. Al 20′ il Sassuolo accarezza il vantaggio con Djuricic, Gigio Donnarumma devia con la mano. Il Sassuolo sale, il Milan si chiude a riccio. Al 27′ la replica del Milan in contropiede, smorzato dal ritorno in difesa della formazione ospite: Paquetà di prima, servito da Suso, non trova la giusta coordinazione. Al 34′ fiammata rossonera dall’out di sinistra, pallone nel mezzo e Sassuolo che si salva in corner. Sugli sviluppi il Milan passa in vantaggio con un’antorete di Lirola. Il gol viene assegnato a Mateo Musacchio, che sbuca dalla mischia e firma il suo primo sigillo in Serie A. Gli emiliani provano a ricucire, colpiscono pure il palo e vanno a segno con Boga (entrambe le azioni in fuorigioco). All’intervallo padroni di casa avanti di una lunghezza.

Gli ospiti tornano in campo con il piglio giusto. Berardi prova a sorprendere Donnarumma con un destro dalla distanza ma la palla si perde a lato. Il Milan è poco servito in attacco, il match è bilanciato per i rossoneri quasi esclusivamente in difesa. Frittata di Consigli al 19′, che da ultimo uomo perde il pallone su contropiede del Milan e con il braccio atterra Piatek a 25 metri dalla porta. Rosso, confermato dal VAR, Sassuolo in dieci e calcio di punizione. Con l’uomo in più i rossoneri tornano a gestire il gioco. Milan vicissimo al raddoppio con Kessie al 76′: l’ivoriano, servito da Piatek, tutto in velocità, calcia di punta ma non riesce a superare Pegolo. Passano sessanta secondi e Matri di prima impegna Donnarumma sul primo palo. Gli ultimi dieci minuti si aprono con un flipper rossonero nell’area del Sassuolo. Il Milan vuole chiudere definitivamente l’incontro, gli emiliani galvanizzati dal tentativo di Matri credono ancora nel pareggio. Kessie alza la testa al 39′: penetrazione in area, con una finta di tacco lascia sul posto Demiral ma la conclusione è da dimenticare. All’89’ punizione dal limite per il Sassuolo, San Siro fischia: tiro, alto. Cinque di recupero. I neroverdi non mordono, il Milan non fatica e festeggia. La Champions è sempre più vicina.

GATTUSO NEL POST PARTITA

«Siamo contenti ma ci sono ancora 36 punti a disposizione. A livello tecnico non stiamo attraversando un bel momento. A livello qualitativo dobbiamo fare di più. Dobbiamo essere consapevoli di questo. A tratti siamo stati fortunati anche oggi, dobbiamo fare meglio. Ci godiamo il momento ma bisogna volare bassi e capire come migliorare. Ci aspettano solo finali, bisogna vivere meglio la quotidianità e la partita. Abbiamo fatto passi indietro probabilmente a causa delle energie che spendiamo in fase difensiva. In questo momento il Sassuolo era la squadra più difficile che potessimo affrontare, l’abbiamo sofferta e lo sapevamo. Vorrei vedere qualcosa in più a livello tecnico».

IL TABELLINO

Milan-Sassuolo 1-0 (1-0)
Recupero: 3’+5′.
Marcatori: Musacchio (M) al 35′.
Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez (Biglia dal 56′); Kessie, Bakayoko, Paquetà (Castillejo dal 73′); Suso, Piatek (Cutrone dall’83’), Calhanoglu.
A disposizione: Conti, Abate, Strinic, Montolivo, Bertolacci, Laxalt, Borini, A. Donnarumma, Reina.
Allenatore: Gennaro Gattuso.
Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Demiral, Ferrari, Peluso; Locatelli (Bourabia dal 63′), Magnanelli (Pegolo dal 68′), Sensi; Berardi, Djuricic (Matri dal 74′), Boga.
A disposizione: Lemos, Adjapong, Magnani, Rogerio, Sernicola, Scamacca, Di Francesco, Babacar, Odgaard.
Allenatore: Roberto De Zerbi.
Note: ammoniti Bakayoko (M), Paquetà (M), Rodriguez (M), esploso Consigli (S).
Squadra arbitrale: Valeri (direttore di gara), Tolfo e Calieri (assistenti), Volpi (quarto uomo), Fabbri (V.A.R.), Valeriani (A.V.A.R.).

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia