Connect with us

Stadio News

La solita Juve: Fabbri e Kean fanno malissimo al Milan

Pubblicato

il

La chiude Kean, freccia all’arco che non fa dimenticare Cristiano. La decide lui, il ragazzino di Max Allegri all’84’ con un destro secco servito da Pjanic, bravo a fare sua la sfera sulla trequarti. Il Milan sbatte ancora una volta il muso contro la legge dello Stadium e questa volta può far più male di molte altre volte: mai da quando i bianconeri hanno preso possesso del nuovo impianto, nato sullo scheletro del vecchio Delle Alpi, il Diavolo è riuscito a ottenere i tre punti in campionato. E dire che questa volta il film dell’incontro, per cosa si era visto nei primi quarantacinque minuti, sembrava indirizzato verso un finale nuovo, bellissimo per il Milan e per Krzys Piatek, in rete al 39′ e avanti nel punteggio. Un buon Milan per almeno un’ora di gioco dopo un avvio combattuto e con i ragazzi di Rino a un soffio dal gol: ripartenza di Suso, Piatek tutto solo appostato sul secondo palo di testa a lato. Al 35′ il Milan protesta per un nettissimo tocco di Alex Sandro con il braccio in area: è rigore ma Fabbri, atteso il check del VAR, non concede il penalty. Da lì a poco i rossoneri mettono la testa avanti.

Bel Milan anche a inizio ripresa, ancora pericoloso con il suo numero 19: Calabria centra, Piatek gira di prima, Szczesny salva oltre il palo. Occasione anche per Fabio Borini, esterno titolare nel tridente insieme a Suso, ma è la Juve a trovare il pareggio, su rigore: questa volta Fabbri non ci pensa due volte – ma fa bene – su Musacchio, assurdo intervento il suo in area su Dybala. L’argentino va dal dischetto e non sbaglia. Il match torna a ravvivarsi con entrambe le compagini pronte a tutto pur di strappare il successo. Allegri getta nella mischia Pjanic e Kean e azzecca la mossa. Proprio il funambolo in maglia 18 decide la sfida sul finale, acceso dal bosniaco. La Juve si avvicina all’ottavo scudetto consecutivo (che potrebbe festeggiare già domani Napoli permettendo), il Milan frenato da Fabbri perde una stuzzicante chance per uscire dal tunnel e dare una spallata alle dirette avversarie nella corsa al quarto posto. Non manca il tempo per recuperare e riprovarci. Dalla serata dello Stadium la luce è ancora debole ma non così lontana.

Continua a leggere
Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Responsabile: Luca Rosia