Resta in contatto con Daily Milan

Esclusive

Milanisti ieri, oggi e domani

Avatar

Pubblicato

il

Cari amici rossoneri, sono anni difficili, lo sappiamo e questo deve trasmetterci unione, passione e amore immane verso la nostra casacca, gloriosa e prestigiosa, in Italia, in Europa e nel mondo.

Quando il 16 dicembre del 1899, Halbert Kilpin , presso l’Hotel “Du Nord e des Anglais” nel pieno centro cittadino di Milano diede vita al club italiano più vincente al mondo, esclamò: «Saremo una squadra di diavoli. I nostri colori saranno il rosso del fuoco e il nero della paura che incuteremo agli avversari» . Bisogna ripartire proprio da questo, essere rossi come il fuoco, ogni giorno, ogni attimo. Bisogna avere il fuoco dentro in ogni partita, su ogni pallone. Ma il compito più difficile spetta proprio a noi, dobbiamo essere famiglia, oggi più che mai, per accendere il fuoco nei nostri giocatori.

Quando si pensa al giuoco del calcio, viene semplice e naturale pensare al Milan. Parlano storia e successi, infatti oltre alle invidiatissime 7 Champions League, la bacheca rossonera vanta: 18 campionati italiani, 5 Coppe Italia, 7 Supercoppe italiane, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe Europee, 3 Coppe Intercontinentali e 1 Mondiale per club. Inoltre sono stati addirittura sei i giocatori capaci di vincere il Pallone D’Oro nel corso dei 119 anni di storia del Milan. Il primo in assoluto è stato Gianni Rivera, primo talento puro capace di sollevare al cielo una Coppa dei Campioni nella storia del calcio italiano, a seguire Van Basten (tre volte), Gullit, Weah, Shevchenko e Kaká.

Gli ultimi anni bui, non possono e non potranno mai cancellare una storia cosi prestigiosa, la nostra bacheca rimarrà sempre colma di trofei, il nostro cuore esploderà e luccicherà sempre di passione e saremo sempre orgogliosi di essere milanisti. Però siamo anche consapevoli che il periodo che sta attraversando la prima squadra meneghina è uno dei più tristi e oscuri della nostra storia. Siamo vogliosi di riprenderci quello che abbiamo lasciato per strada in questi anni, vogliamo far cambiare idea agli scettici. Ovviamente bisogna essere realisti, non si può pensare di tornare a dominare l’Europa già da domani, ci vorrà pazienza e fiducia nella nostra nuova società e ci vorrà il supporto di tutti i tifosi milanisti, quelli veri, quelli che dal carro non sono mai scesi. La mediocrità non farà mai parte del nostro vocabolario, siamo il Milan, dobbiamo riunirci tutti insieme accanto alla società e alla squadra che verrà, dobbiamo essere “rossi come il fuoco” e credere nel nuovo progetto Milan, perché nonostante questi anni tristi, noi eravamo, siamo e rimarremo l’orgoglio della nostra nazione.

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia