Resta in contatto con Daily Milan

Club

Boban: «Non ho problemi a fallire, ho problemi a non provarci»

Avatar

Pubblicato

il

Tra conferenze stampa e incontri di lavori, tra Casa Milan e i campi di Milanello, per Zvonimir Boban sono giorni a dir poco frenetici. Il nuovo Chief Football Officer del Milan è entrato nel vortice rossonero ma sta dimostrando di saper gestire tutto con molta serenità. D’altronde, il suo curriculum di dirigente in FIFA, per tre anni vicesegretario generale della massima organizzazione calcistica al mondo, si è costruito su mission molto simili a quella che sta affrontando da circa un mese in rossonero. Oggi Zvone è tornato a parlare della sua nuova avventura sportiva, fin qui la sfida più intrigante e bella – probabilmente – della sua vita da manager. Ecco le dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Milan TV.

«Tornare al Milan è stata una decisione di cuore, sono nel club che amo. Penso di poter portare tanta passione e spessore calcistico, conosco i ritmi comunicativi, posso dare tanto in diversi campi. Mi sento un playmaker tra la parte sportiva e quella amministrativa. Non ho problemi a fallire, ma ho problemi a non provarci. Con Paolo (Maldini, ndr) c’è un rapporto fraterno da tanti anni, siamo rimasti in contatto dopo la fine delle nostre carriere e c’è tanta amicizia, tanto rispetto e tanti valori condivisi. Tante idee calcistiche sul Milan simili. Massara? Non lo conoscevo: è una persona per bene e capisce di calcio. Conosce i giocatori di tutti i campionati. Il nostro mister è una persona speciale e un allenatore speciale che ha fatto tanto, anche sbagliando, perché ha creduto nelle sue idee. La cosa importante è quella che ha detto ieri: “Se non hai qualità non vinci”. Deve vedere i giocatori per valutarli e poi inserirli nel sistema di gioco. È un processo naturale, soprattutto per uno come lui».

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia