Resta in contatto con Daily Milan

Calciomercato

Ecco il piano Milan: a gennaio all-in su Ibra e Demiral

Avatar

Pubblicato

il

Il Club pianifica la svolta per rilanciare attacco e difesa e puntare al quarto posto.

Migliorare negli allenamenti, raccogliere più punti in campo da qui a gennaio per poi affidarsi al mercato di riparazione per rafforzarsi. Il Milan ha ben chiaro il piano di rilancio per tentare, nel girone di ritorno, di aggredire il quarto posto, traguardo minimo stagionale e oggi – dopo dodici giornate in archivio – distante già undici lunghezze. Il prossimo mese e mezzo sarà un sali e scendi per i rossoneri, che di fronte tra casa e trasferta si ritroveranno squadre d’alta classifica come Napoli e Atalanta e avversarie tecnicamente meno quotate, come Parma, Sassuolo e Bologna, tutte, a parte i rossoblù, con un bottino superiore di punti conquistati.

Sul mercato il mirino è puntato su due profili: un difensore centrale e un attaccante, entrambi di livello. Il sogno per l’attacco è Zlatan Ibrahimovic, il suo nome fa brillare gli occhi dei tifosi e non solo per i suoi trascorsi a Milanello. Ibra è legato ai Los Angeles Galaxy fino al prossimo 31 dicembre, successivamente sarà libero di accordarsi con un altro Club. Per una stretta di mano sono in coda tanti pretendenti: solo in Italia, oltre al Milan, ha mosso passi la Roma, il Bologna e soprattutto il Napoli di Carlo Ancelotti. Nella MLS il 38enne svedese guadagna 7 milioni di dollari all’anno, vista l’età in rossonero potrebbe accettare una cifra rivista al ribasso.

Se per alzare il livello dell’attacco il Milan è disposto a rivedere la propria filosofia (squadra giovane e di prospettiva), per la difesa le condizioni imposte dal fondo Elliott a Gazidis – e a cascata al board sportivo – non cambiano di una virgola. Il Club cerca un rinforzo dall’età in media con il resto del gruppo e pronto per la Serie A. Nelle ultime ore è tornato in voga il nome di Merih Demiral, già accostato in estate ai rossoneri per 30 milioni di euro. All’anagrafe 21 anni, turco, conta diverse uscite con la Nazionale maggiore del proprio Paese e da qualche mese sta respirando l’ambiente Juve. Nonostante lo stop di Chiellini e i problemi che ha attraversato De Ligt, a Torino l’ex Sassuolo non ha ancora trovato spazio, nemmeno per sbaglio. Vestire la maglia del Milan, rilanciarsi e contribuire alla rinascita di un Brand storico come quello rossonero, potrebbe essere per lui un’occasione ghiottissima.

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia