Resta in contatto con Daily Milan

News

Corsa in giardino, tanta frutta e verdura: così il Milan si tiene in forma

Avatar

Pubblicato

il

Allenarsi a distanza, il metodo Milan: schede di lavoro personalizzate per ogni giocatore e brusca frenata alle calorie.

I più fortunati come Bennacer, Donnarumma, Calabria ed Hernandez hanno a disposizione terrazze e giardini per allenarsi. In tempo di Coronavirus sono cambiati schemi e abitudini ma la filosofia alla base è sempre la stessa: mens sana in corpore sano. Il Milan ha deciso compatto di affrontare questa crisi planetaria attraverso regole rigide ma fondamentali. Il Club è stato tra i primi ad adottare la politica dello smart working per tutti i suoi dipendenti contenendo così gli effetti del contagio (non si sono registrati casi tra i rossoneri e nessun dipendente o tesserato è stato messo in quarantena). Le tre strutture della Società, Casa Milan, l’headquarter strategico e amministrativo, Milanello, il Centro Sportivo della Prima Squadra e il Vismara, il Centro del Settore Giovanile e della formazione femminile rimarranno chiusi almeno fino al 3 aprile. Avrebbero dovuto riaprire i battenti lunedì per la ripresa delle sedute di allenamento.

Gli allenamenti proseguono invece a casa: circuit training, tapis roulant, cyclette, esercizi con la fitball, eserciti a terra, addominali… A inizio emergenza il Milan ha distribuito alcuni attrezzi e macchinari di allenamento ai suoi ragazzi, così che tutti fossero in condizione di lavorare anche lontano dai campi di Carnago. Ognuno ha la sua scheda personalizzata da seguire scrupolosamente ogni giorno. Mister Stefano Pioli invia ai giocatori una nota vocale a inizio settimana. Non è uomo da conference call o cose simili, preferisce agire da padre di famiglia con messaggi più mirati e consigli. Nessun controllo, si fida. Per tutti poi alcune indicazioni sul piano alimentare, elaborate dal nutrizionista del Club Francesco Avaldi e dai suoi collaboratori: consigliate ampie dosi di frutta e verdura, acqua e sali minerali, colazione ricca, pranzo da principe e cena senza troppe calorie. Anche nel mezzo di una crisi sanitaria la linea non cambia. L’imperativo è non esagerare. Da evitare, per tutti, cibi troppo elaborati.

Copyright © Daily Milan 2019 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia