Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Il Milan cala il poker in rimonta, Juve KO 4-2: vittoria di cuore e di carattere

Avatar

Pubblicato

il

La cronaca di Milan-Juventus, gara valevole per la 31a giornata di Serie A.

Milan-Juventus, primo tempo

Rossoneri che scendo in campo con il collaudato 4-2-3-1, Zlatan terminale offensivo, supportato da Rebic, Paquetà e Saelemaekers. Juventus che risponde con un 4-3-3 con Higuain-Ronaldo-Bernardeschi davanti e Rugani al posto di De Ligt. Partenza cauta delle due squadra, i rossoneri però ci provano:  Ibra sulla destra, lo svedese la mette in mezzo per Paqueta che la appoggia a Saelemaekers ma tiro debole del belga. Subito dopo è la Juve ad andare vicina al gol: Punizione per gli ospiti dalla parte destra del campo: Bernardeschi batte forte e teso, Bonucci la sfiora di testa e per un soffio non trova il gol. 24′ – ancora in attacco il Milan: Theo che arriva al cross dalla sinistra: palla ad Ibra che incrocia di sinistro, Szczesny para senza problemi. Il primo tempo scorre senza grosse occasioni tolto il gol annullato a Ibra per fuorigioco.

Milan-Juventus, secondo tempo

Inizia la seconda frazione di gioco e il Milan effettua il primo cambio: fuori Paquetà dentro Calhanoglu. Ma arriva la doccia fredda: Rabiot parte dalla sua metà campo e conclude la sua corsa con un grandissimo sinistro sotto il sette imprendibile per Donnarumma. Passano solo cinque minuti e la Juventus raddoppia:  i due centrali si scontrano sbagliando una lettura facilissima, Ronaldo si ritrova a tu per tu con Donnarumma e non sbaglia. 2-0 per gli ospiti. Il Milan non ci sta fuori: Saelemaekers dentro Leao. 61′  tocco di mano di Bonucci in area di rigore, l’arbitro prima ammonisce Rebic per presento tocco di mano poi va a riguardare al Var e assegna il calcio di rigore ai rossoneri: Ibra da dischetto non sbaglia, partita riaperta. Quatro minuti più tardi: ottima triangolazione Calha-Ibra-Kessie, con l’ivoriano che si libera facilmente di Bonucci e da dentro l’area non sbaglia! 2-2 a San Siro. Ma non finisce qui: nemmeno due minuto dopo, grandissima azione del portoghese che entra in area dalla sinistra e fulmina Szczesny sul suo palo. Al 74′ rossoneri ancora vicino al gol: palla magica di Calhanoglu per Rebic, che da posizione defilata la incrocia. Respinge Szczesny, prima Leao e poi Jack non riescono a ribatterla dentro. Milan vicino al 4-2. Minuto 80′ – follia di Alex Sandro che effettua un passaggio orizzontale intercettato da Bonaventura, che appoggia a Rebic che di prima con il mancino non sbaglia. Scorre il tempo e dopo 6 di recupero l’arbitro fischia la fine del match: rossoneri che fermano anche la capolista Juventus.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia