Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Maldini apre a Nastasic. Ottimismo sul rinnovo di Gigio: «Non abbiamo fretta»

Avatar

Pubblicato

il

Le parole del DT rossonero sul mercato e le prestazione del gruppo.

Il Milan lavora sul mercato: «In questo momento abbiamo qualche problema per via delle defezioni, con Musacchio operato e fuori per due settimane, Romagnoli fuori da un mese, e Duarte che è out da un po’». Paolo Maldini indica la via: «Siamo contati, stiamo vedendo cosa fare, questa è una squadra già molto equilibrata nel numero dei giocatori e anche nelle posizioni, avendo due giocatori per ruolo. Se potremo migliorare la squadra, lo faremo».

Si parla con insistenza di Matija Nastasic, difensore serbo (classe 1993) dello Schalke 04: «In teoria tutti i giocatori buoni a noi piacciono. Poi bisogna vedere se sono compatibili con quello che è il nostro bilancio».

Il Direttore Tecnico del Milan ha parlato a margine della cerimonia di consegna del Premio intitolato ad Azeglio Vicini: «Stiamo bene, abbiamo confermato quello che abbiamo fatto fino a un mese e mezzo fa. Abbiamo qualche infortunato ma questo non ha scalfito il nostro spirito post lockdown. Devo dire che questa squadra ha sempre una convinzione maggiore di poter arrivare ai risultati sperati».

Maldini ha commentato anche il ritorno allo stadio dei tifosi, contro il Bologna mille al primo anello rosso: «Una piacevole sorpresa avere mille persone dentro lo stadio. Certamente mille su una capienza di 78mila per noi è poco, ma è già qualcosa. Sembra che dal 7 ottobre in poi si possa avere in percentuale una presenza maggiore. Vedremo cosa succederà».

Il Milan vola sulle ali di Ibra: «Zlatan non vuole perdere mai, neanche nelle partitelle di allenamento a Milanello. È come un campione in genere si comporta, con questa competitività innata che ha dentro e lo rende un fuoriclasse». In gran forma anche Donnarumma e Calabria: «Conosco Davide da quando giocava con mio figlio Christian che la sua stessa età, quindi so benissimo dove può arrivare. Donnarumma invece è un 1999, quindi 21 anni ed è già un leader assoluto. Oltre 200 partite con il Milan alla sua età è una cosa assolutamente non comune: è leader negli allenamenti e nei comportamenti, la sua crescita è stata assolutamente esponenziale. Il rinnovo? Provarci è un dovere. La tempistica potrebbe essere tra una settimana o 15 giorni, non abbiamo fretta, qualche giorno in più non cambia niente».

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia