Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Milan-Parma, le pagelle: Calhanoglu straordinario, spento Leão

Avatar

Pubblicato

il

I rossoneri vincono e convincono contro il Parma. Calhanoglu fa impazzire la difesa avversaria, mentre Leão non riesce a esprimersi sulla fascia destra.

Pagelle Milan-Parma: il migliore

Hakan Calhanoglu: 7.5
Un giocatore totalmente diverso rispetto a quello visto contro il Napoli. Crea, si va a prendere la palla, cerca e trova i compagni. Realizza un gol di pregevole fattura e ancor prima serve un cioccolatino a Romagnoli solo da incornare in porta. MVP!

Pagelle Milan-Parma: il peggiore

Rafael Leão: 5
Pioli lo schiera a destra, ma il portoghese non riesce a esprimere il suo talento. Appare spento e rinunciatario, svogliato nella fase difensiva, dove non aiuta mai Conti.

Pagelle Milan-Parma: gli altri voti

Gianluigi Donnarumma: 7
Un muro. Tocca il primo pallone al venticinquesimo minuto di gioco, e nel secondo tempo compie due parate sensazionali prima su Inglese e poi su Darmian, mentre non può nulla sul gol di Kurtić. Riscatta pienamente la grigia prestazione di Napoli.

Andrea Conti: 6
Fa quel che può, ma non è mai aiutato da Leão in difesa. Prova sempre a dare il suo contributo e corre a pieni polmoni.
Dal 46, Davide Calabria: 6
Anch’egli molto propositivo in fase offensivo, con diversi cross e sovrapposizioni. Non commette errori in difesa. Nel complesso partita ordinata.

Simon Kjaer: 7
Nel giorno del suo riscatto, il danese gioca una delle sue migliori prestazioni in rossonero. Chiude ogni spazio alle incursioni degli attaccanti del Parma e non sbaglia un intervento. A 3,5 milioni di euro, è stato un affare.

Alessio Romagnoli: 7
Trova finalmente il suo primo gol stagionale, grazie a un assist perfetto di Calhanoglu. Anche lui come Kjaer non commette sbavature. Il Milan ha finalmente trovato la sua coppia difensiva.

Theo Hernández: 6
Appare più stanco del solito, ma non smette mai di correre. Il primo gol del Parma arriva dalla sua fascia, mentre in attacco si mangia un gol solo davanti a Sepe. Nonostante ciò, va premiato il solito impegno.
Dall’80’ Diego Laxalt: 6
Entra in campo senza paura e aiuta molto la squadra. Quindici minuti di sostanza.

Lucas Biglia: 6
Gioca una partita ordinata e serve molto bene i compagni. Prova anche un tiro che gli scappa di poco alto.
Dal 56’ Ismaël Bennacer: 7
Entra lui e il Milan si sveglia. Da ancora una volta prova di quanto i rossoneri siano dipendenti da lui. Parte della rimonta del Milan è merito suo.

Franck Kessié: 7.5
È straripante. Domina a centrocampo e si inventa un gol sensazionale che da il via alla rimonta rossonera. È ormai un punto fermo del Milan di Pioli. Da applausi.

Dal 61’ Ante Rebić: 6
Molto impreciso in attacco, ma fa comunque sentire la sua presenza. La corsa e l’impegno sono due caratteristiche che non gli mancano mai.

Giacomo Bonaventura: 6,5
Molto bene anche lui. Serve l’assist a Calhanoglu per il definitivo 3-1 e là davanti crea sempre scompiglio. Segna un gol nel primo tempo, annullato però per fuorigioco.

Dall’80’ Rade Krunić: 6
Come Laxalt, entra per il quarto d’ora finale e difende a dovere il risultato. Ogni volta che gioca si fa notare per la grande voglia.

Zlatan Ibrahimović: 6
Smista palloni a destra e a manca, ma è impreciso e poco cinico quando si tratta di finalizzare. È evidente la sua fame di gol, ma dovrebbe giocare più sciolto e tranquillo. Prestazione comunque nettamente sufficiente.

All. Stefano Pioli: 7.5
Inserisce Bennacer e la partita prende la piega da lui desiderata. Il suo Milan gioca un calcio divertente e veloce, sempre con le idee chiare. Ha rivoluzionato una squadra che ha pienamente fiducia nei suoi mezzi. Bravo!

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia