Resta in contatto con Daily Milan

Milan mercato

Milik e il Milan, quattro anni dopo

Avatar

Pubblicato

il

La punta polacca tra passato (l’esordio proprio con il Milan) il presente (la sfida di domani al San Paolo) e il futuro (è un obiettivo del mercato rossonero).

Il destino li ha voluti subito uno di fronte all’altro, il Milan e Arkadiusz Milik, e il diavolo se lo ricorda molto bene come finì quella sera di fine agosto: 4-2 per il Napoli, esordio dell’attaccante al San Paolo condito con una doppietta. Sono passati quattro anni e il nome di Milik risuona con insistenza dalle parti di Casa Milan. Il polacco domani sera partirà dalla panchina, ma Gattuso potrebbe concedergli qualche minuto nella ripresa. La sua storia in maglia azzurra è prossima ai titoli di coda.

Il Milan è sulle tracce di un centravanti da affidare a Ralf Rangnick per la prossima stagione e quello di “Arek” è un profilo che piace parecchio alla dirigenza. Anche la Juventus è in pista, determinata ad aggiungere muscoli e duttilità al reparto offensivo di Sarri (Milik può giocare da prima punta, da seconda punta e da ala, ha un tiro potente e preciso che lo caratterizza come eccellente finalizzatore). Ma se a Torino rischierebbe di diventare la seconda o terza scelta là davanti, a Milanello si allenerebbe subito per indossare una maglia da titolare. Ibrahimovic potrebbe lasciargli libero il posto in campo e in spogliatoio. Ieri il campione svedese è tornato a parlare di futuro dopo la tuonante intervista a Sportweek: «Non so ancora se resto – ha spiegato ai microfoni di Sport Mediaset, mi sto ancora divertendo a giocare ma nessuna chiamata è arrivata. Questo non è il mio Milan, gli obiettivi sono differenti da quelli di una volta. Io voglio rivedere una squadra che lotta per lo scudetto e per la Champions: non gioco per un contratto, gioco per gli stimoli».

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia