Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Pioli: «Lo spirito della squadra è incredibile, ma dobbiamo ancora crescere»

Avatar

Pubblicato

il

L’analisi del tecnico dopo la vittoria del derby.

Partiamo da dove tutti – o quasi – stanno guardando. Dalla vetta. Il Milan è primo, in solitaria, comanda la classifica della Serie A dopo quattro turni, nove reti realizzate e una sola subita. Si può sognare lo scudetto? Pioli frena i facili entusiasmi anche dopo aver vinto il derby contro la favorita al titolo (parola di Paolo Maldini nel pre partita a Sky): «Ci sono tre-quattro squadre che hanno investito più di noi e sono davanti a noi nella corsa – ha detto il tecnico a fine gara –. Noi abbiamo fatto un investimento a lungo termine, ma siamo ambiziosi. Per puntare allo scudetto devi alzare il livello dei giocatori e lo stiamo facendo. Ma il nostro è un percorso più lungo di un anno. La società è stata brava a gettare le basi».

Nessuna pressione, Pioli vuole godersi il momento e il suo primo Derby di Milano in bacheca: «Avevo già detto ieri che il risultato di oggi non sarebbe stato determinante. Siamo soddisfatti per la vittoria contro una squadra che ci ha creato dei problemi. Tre punti importanti anche per i nostri tifosi, ma ora stiamo calmi: c’è tanto da lavorare».

L’Inter si è piegata allo strapotere di Ibra, 39 anni ma sempre decisivo: «Era stanco e mi ha chiesto il cambio in campo, ma non l’ho fatto uscire. Zlatan è un campione in tutto, un professionista esemplare, che vuole vincere sempre, tutto. Lui mi ha detto “tu fai l’allenatore e io il giocatore, decidi tu”. Il mio ruolo è quello di decidere e fare sentire tutti importanti. E lui…».

La mentalità del gruppo regge, un derby dopo (a febbraio il Milan perse nonostante fosse riuscito ad andare avanti 2-0 nel primo tempo, proprio come oggi) determinazione e concentrazione sono a un livello altissimo: «Chi pensa troppo al passato non si gode il presente. Lo spirito della squadra è incredibile, lavoriamo bene. Abbiamo vinto sempre, ma non abbiamo fatto una vittoria netta. Dobbiamo ancora crescere. Però senza dubbio abbiamo carattere».

È la vittoria del Milan, è la vittoria di Ibra ed è la vittoria di Stefano Pioli, eccellente nelle scelte tattiche prima dell’incontro e nei cambi poi a match in corso: «Sono rimasto sorpreso che nessuno si aspettasse Leao. Abbiamo sempre messo un esterno di corsa destra e un attaccante a sinistra. Da lui è giusto aspettarsi una crescita continua. Ci prendiamo dei rischi, ma questo è il nostro modo di stare in campo, di fare la partita e non subirla».

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia