Resta in contatto con Daily Milan

Milanello

Pioli: «Rebic può giocare da prima punta. A Tonali serve tempo»

Avatar

Pubblicato

il

Le parole del tecnico alla vigilia di Crotone-Milan.

È un Milan in piena emergenza quello che domani pomeriggio (ore 18.00) affronterà la prima trasferta del nuovo campionato, a Crotone. Stefano Pioli per la seconda sfida consecutiva non avrà a disposizione Zlatan Ibrahimovic, in quarantena dopo l’esito positivo al Covid-19 di giovedì che l’ha costretto a saltare il match di Europa League contro il Bodo Glimt: «Sta bene – ha detto il tecnico in conferenza stampa – si sta allenando a casa. È molto motivato, si sente con i compagni. La sua assenza ci pesa, ma noi dobbiamo essere bravi a dimostrare che questa opportunità di crescita».

Il Crotone è una delle neopromosse nella categoria ma per questo non va sottovalutato, anche perché alla prima in casa vorrà fare bene: «Sa giocare a calcio, Stroppa ha fatto un ottimo lavoro. Sono arrivati nuovi giocatori in settimana che possono dare spessore alla squadra. Sanno che campionato li aspetta, sanno che dovranno soffrire. Sappiamo che partita ci aspetta».

Allo Stadio “Ezio Scida”, domani, tornerà nell’undici titolare di Pioli Ante Rebic. Da capire se il croato verrà schierato da unica punta o nella zolla di sinistra sulla trequarti: «È un attaccante – spiega il tecnico –, per gli equilibri che abbiamo trovato sta facendo più l’attaccante di sinistra, stringendo dentro. Credo possa fare benissimo anche la prima punta, è un giocatore forte che ci dà fisicità e quantità, può giocare entrambi ruoli senza togliere nulla alle sue potenzialità».

Giovedì in Europa League Lorenzo Colombo ha risposto molto bene all’assenza di Ibra: «Al di là dei 18 anni, è un ragazzo molto maturo. È dentro al lavoro e dentro al nostro gruppo». Sarà in panchina domani insieme a Sandro Tonali. Per vedere l’ex Brescia in campo dal primo minuto ci vuole ancora tempo, serve pazienza: «I nostri quattro centrocampisti si possono sposare bene tutti – ha detto Pioli –. Non vedo, per come vogliamo giocare, delle priorità. Dobbiamo avere centrocampisti in grado di saper legare entrambe le fasi di gioco. Sandro è molto maturo ma dobbiamo dargli il tempo di adattarsi, vedo un giocatore in crescita».

Improbabile anche l’inserimento in formazione di Rafa Leao: «C’è la possibilità, ha fatto solo 3/4 allenamenti ma ha bisogno di stare con noi, anche a livello mentale. Sarà con noi, è un ragazzo giovane con grandi potenzialità. È disponibile per giocare, vediamo se riuscirà a fare uno spezzone». In difesa, invece, per sopperire alle assenze di Romagnoli, Musacchio e Duarte Pioli sta valutando attentamente la soluzione Kessie: «Ho parlato con Franck, mi ha dato disponibilità. È l’unico della rosa che può ricoprire quel ruolo lì, spero non ci sia l’urgenza, ma se ci fosse lui è pronto».

Il Milan punta in alto, spinto dal filotto di risultati positivi che con il successo di giovedì è salito a quota 16 (Pioli ha raggiunto il record conquistato da Ancelotti nella sua ultima stagione in rossonero): «Bisogna continuare a migliorare, continuare a crescere, commettiamo ancora qualche errore, siamo meno lucidi nella scelta della giocata, dobbiamo essere più compatti, fa parte di un percorso di crescita. Dobbiamo cercare di migliorare collettivamente e individualmente». E ancora: «Non dobbiamo guardare ai numeri, per noi è importante sapere che percorso stiamo facendo, continuare a migliorare ed affrontare qualsiasi partita al massimo. Le partite sono complicate, abbiamo avuto la riprova giovedì, gli avversari sono preparati e stanno bene. Il Crotone avrà le sue motivazioni, restiamo concentrati. Alla fine penseremo al nostro percorso».

Copyright © Daily Milan 2020 | Testata giornalistica | Aut. Tribunale di Biella n° 575 del 31 luglio 2012 | Direttore Editoriale: Luca Rosia