Resta in contatto con Daily Milan

«Inizio a capire ciò che sta succedendo. Guardando il museo, capisco quanto sia grande questo club e non posso che esserne onorato. Vedere tutte quelle Champions da così vicino fa sempre una certa sensazione, sono il trofeo più ambito da ogni giocatore». Così Fabio Borini, da poche ore ufficialmente nuovo attaccante del Milan, ai microfoni del canale tematico del club rossonero.

«Milanello è un bel centro. Campi ottimi, strutture consone al blasone della società. Dovrò sfruttarle per migliorarmi. Mi sono preparato bene in estate e i test hanno dato le risposte giuste. La voglia di iniziare è tantissima, avrei iniziato anche oggi pomeriggio. Devo attendere solo un paio di giorni, non vedo l’ora».

Nei prossimi giorni Borini incontrerà anche il suo nuovo allenatore, Vincenzo Montella: «Ci siamo chiamati dopo che il trasferimento è diventato sicuro. Mi ha dato fiducia dicendomi che era davvero contento. Non ho ancora parlato con nessuno. Ho scambiato qualche parola solo con famiglia e amici. Sono molto riservato su queste cose».

çLunedì il Milan riaccende i motori: «Sarà una annata importante. Tornare in Europa è il primo passo, anche attraverso i preliminari. Tranne in porta e difesa (ride, ndr), poi posso fare tutto. Quello che necessita la squadra io cerco di fornirlo. Ho imparato in Inghilterra questa mentalità. Gli obiettivi personali non si rivelano mai. Non li ho mai detti, non per scaramanzia ma per automutilazione personale. Il Milan è un sogno diventato realtà. Ora si inizia a lavorare».

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.