Resta in contatto con Daily Milan

Editoriale

Cuore spezzato in due

Avatar

Pubblicato

il

Tutti davanti alla tv. Da quanto tempo non accadeva? Da quanto tempo il derby della Madonnina non aveva un profumo di scudetto? Fuori dallo stadio, nel pre gara, un clima meraviglioso. Tifosi in massa a intonare cori e coreografie, per accogliere i pullman all’ingresso di San Siro. Sugli spalti, purtroppo, il vuoto e la desolazione. La gara? 3-0 per i nerazzurri, che volano a +4 dal Milan e mettono una seria ipoteca sulla vittoria del titolo. I tifosi rossoneri hanno il cuore spezzato in due e anche i giudizi si dividono tra frustrazione e l’orgoglio.

C’è frustrazione per aver perso il derby e soprattutto per averlo perso con un sonoro 3-0. C’è frustrazione perché adesso il Milan si trova a -4 dalla vetta e recuperare il gap, oggi – guardando il calendario dei prossimi impegni -, sembra molto difficile. Ma dispiace soprattutto perché sembra che la squadra abbia perso lo smalto. Non è stata frizzante e così i limiti sono oggi più visibili. C’è anche il rammarico per la mancata firma – per ora – sui contratti di Ibrahimovic, Calhanoglu e Donnarumma.

Ma c’è anche l’orgoglio. L’orgoglio per quanto il Milan ha fatto finora e per essere ancora lì, a competere coi grandi, a giocarcela con tutti. L’orgoglio di entrare in campo consapevoli della propria forza e delle proprie potenzialità. L’orgoglio di poter puntare in alto, lì dove il Diavolo manca da un decennio.

C’è l’orgoglio di ieri, la frustrazione di oggi, ma anche la speranza sempre più grande di tornare a scrivere pagine importanti della storia del calcio. Col motto di sempre: sempre appunto, SEMPRE E SOLO MILAN!