Resta in contatto con Daily Milan

Analisi

Il precampionato del Milan ha dato buoni segnali in vista della stagione

Avatar

Pubblicato

il

Con la vittoria per 2-1 contro il Panathinaikos si è ufficialmente concluso il precampionato del Milan. I rossoneri hanno affrontato, in queste torride giornate estive, Pro Sesto, Modena, Nizza, Valencia, Real Madrid e appunto Panathinaikos.

Il bilancio è tre vittorie, due pareggi e una sola sconfitta ai rigori. Non male, anche se il punteggio, in queste partite, non è rilevante.

Quello che è importante osservare è che in queste prime uscite stagionali il Milan ha già dimostrato buona gamba, frutto anche dei pochi impegni dei rossoneri, e già una buona organizzazione di gioco. Tralasciando le due amichevoli contro Pro Sesto e Modena, i test internazionali hanno mostrato una squadra in fiducia e già abbastanza in forma, nonostante le squadre avessero evidentemente più preparazione nelle gambe.

Da queste amichevoli possiamo trarre alcune note positive. Innanzitutto parliamo di Mike Maignan, il nuovo portiere del Milan. Nelle sue prime partite da titolare, il numero 1 francese ha mostrato sicurezza e ottima capacità di guidare il pacchetto difensivo. A tutto ciò vanno aggiunte alcune parate importanti, primo fra tutti il rigore neutralizzato a Gareth Bale nell’amichevole contro il Real Madrid.

C’era tanta attesa anche per Olivier Giroud, il nuovo attaccante rossonero. Il francese, dopo essere andato in rete all’esordio contro il Nizza, ha giocato anche un’ottima gara contro il Valencia, dove ha realizzato un calcio di rigore che ha portato poi alla vittoria la squadra spagnola. Giroud poi ha trascinato il Milan al successo contro il Panathinaikos realizzando una doppietta, sfruttando alla perfezione due bei cross di Tomori prima e Calabria poi.

Il francese è già pronto per il campionato, e la speranza è che possa essere già decisivo nella partita contro la Sampdoria; lì, probabilmente, Pioli lo schiererà come centravanti titolare nel suo classico 4-2-3-1.

Buone risposte sono arrivate anche da Tonali, chiamato ad alzare l’asticella nella sua seconda stagione in rossonero, Pobega, Brahim e Romagnoli.

Aspettando il ritorno di Ibra, il Milan c’è, è pronto per la nuova stagione. L’obiettivo è mantenere gli standard dello scorso campionato, e se possibile di andare avanti il più possibile in Champions League.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *