Resta in contatto con Daily Milan

Pagelle

Le pagelle rossonere: Ibra punta di diamante (8), Saelemaekers imperdonabile (4)

Avatar

Pubblicato

il

G. DONNARUMMA 6,5
Impegnato al 63’ e all’80’, risponde presente e impedisce ai sardi di rientrare in partita, il resto è ordinaria amministrazione.

CALABRIA 7,5
L’ennesima prestazione di livello superiore, a tratti superlativa, con quantità abbinata a qualità. L’assist del 2-0 è una gioia per gli occhi.

KJÆR 6,5
Stringe i denti per 45 minuti e fornisce la solita compattezza al reparto.
(Dal 46′ KALULU 6,5: entra concentrato e non sbaglia un intervento che sia uno, il ragazzo si sta facendo uomo)

ROMAGNOLI 6
Ingenuo l’intervento che gli costa il cartellino giallo (era diffidato e salterà la sfida con l’Atalanta). Bravo a comandare la difesa nel secondo tempo, anche se Pioli gli cambia tutti i compagni di reparto.

DALOT 6
Gioca da esterno invertito ma pian piano prende fiducia e cresce. Tanta corsa e impegno.

KESSIE 7
Il presidente detta legge anche oggi, dove c’è lui non si passa. Punto.

TONALI 6,5
Altra partita in crescita, per posizione, passaggi, corsa e calci presi.
(Dal 71′ MEÏTE 6: all’esordio Pioli lo inserisce in campo per “fare legna”. Lui risponde presente)

DIAZ 6
Alterna giocate di classe e corsa ed errori banali, ma in fin dei conti non fa rimpiangere Calhanoglu.
(Dall’83’ CONTI SV)

HAUGE 6
L’intesa con Ibra è da affinare ma anche oggi ce l’ha messa tutta, nulla da rimproverargli.
(Dal 66′ SAELEMAEKERS 4: entra con grinta, ma pecca di inesperienza procurandosi due cartellini gialli in pochi minuti che mettono in difficoltà la squadra nell’ultimo quarto d’ora. Sarà un’assenza comunque pesante sabato contro la Dea)

CASTILLEJO 6,5
Sacrificio, tanto sacrificio. Incarna benissimo lo spirito necessario per portare a casa i tre punti.

IBRAHIMOVIC 8
Primo tempo un po’ in ombra, forse ancora di rodaggio, forse di assestamento, ma tiene in scacco tutta la difesa da solo. Si procura il rigore, lo realizza, segna il gol del 2-0 e guida i compagni come un vero condottiero. Punta di diamante anche oggi. 39 anni, 8 partite, 12 gol. What else?

PIOLI 7
La sfortuna lo perseguita: arriva a Cagliari senza Calhanoglu e Theo Hernandez e strappa comunque i tre punti. Durante il match allena, e non è una banalità: parla con tutti i giocatori, suggerisce e incita. Nessuno è come lui in campionato. Si conferma un allenatore di grande livello.