Resta in contatto con Daily Milan

Casa Milan

L’urna di Nyon ha deciso: sarà Manchester United-Milan agli ottavi di Europa League

Avatar

Pubblicato

il

È tempo di sorteggi per le squadre che hanno passato il turno di Europa League. Tra queste, per fortuna, c’è anche il Milan, che con tanta fatica riesce a battere la Stella Rossa e ad accedere agli ottavi di Europa League; lo fa insieme alla Roma, mentre il Napoli, per quanto riguarda le italiane, è stato eliminato dalla competizione.

Ed ecco che l’urna di Nyon non si è lasciata attendere e ha regalato una super sfida alla squadra di Pioli: Milan – Manchester United. Una partita difficilissima contro la squadra favorita per la vittoria finale del torneo, ma una sfida che ha il sapore di Champions League. A vedere questo accoppiamento, infatti, la mente va subito al 2007; allora la vittoria del Milan sui Red Devils ha permesso alla squadra stellare allenata da Ancelotti di accedere alla finale di Champions di Atene contro il Liverpool. Il mattatore di quella sfida, allora, fu Kakà, che insieme ai suoi compagni distrusse l’armata inglese.

Oggi la sfida è totalmente diversa. Milan e Manchester non vivono più i fasti di un tempo, ma in campionato sono comunque entrambe nelle posizioni di vertice. Detto ciò, il Manchester United incute sempre un po’ di timore, ed è per questo che sarà necessario tutto un altro Milan per affrontare questa delicata partita. Insomma, un Milan opposto a quello che stiamo vedendo in quest’ultimo periodo. Ibrahimovic avrà (si spera) il dente avvelenato, poiché per lui è una sfida da ex.

La partita di andata si giocherà l’11 marzo ad Old Trafford, il teatro in cui Kakà segnò il gol più bello della sua carriera e uno dei più belli della storia del calcio. Come dimenticarlo. Il ritorno, invece, si giocherà a San Siro una settimana dopo, il 18 marzo.

La speranza è di avere tutta la squadra al completo per questo prestigiosissimo appuntamento, e che i giocatori diano il meglio per provare a centrare una qualificazione che darebbe una spinta morale alla squadra non indifferente. Sarà dura, ma ci si dovrà provare.