Resta in contatto con Daily Milan

Pagelle

Milan-Crotone, le pagelle: Ibra da record (8), Leao può fare di più (6)

Avatar

Pubblicato

il

DONNARUMMA 6
Viene impegnato solo una volta (col risultato fermo sullo 0-0) da Ounas, compiendo una gran parata. Da lì in poi non riceve più conclusioni nello specchio.

CALABRIA 6,5.
l solito Davide. Corre e lotta su e giù per la fascia, si inserisce con regolarità (gli annullano un gol dopo cinque minuti), dimostrando che alla grinta sta aggiungendo tanta qualità.

TOMORI 6,5
Sta crescendo sempre di più, ora come ora è da riscattare senza se e senza ma.

ROMAGNOLI 6
Bella partita del capitano, se il Crotone non trova la via del gol è anche merito suo.

HERNANDEZ 7
Stupisce il fatto che non stupisce più nessuno.

MEITÈ 6,5
La miglior prestazione di Soualiho da quando è arrivato, dopo dieci minuti in ombra cresce radicalmente fino alla fine della partita.

KESSIE 6,5
Se continua con questo rendimento, il “presidente” merita minimo un’altro mandato. Leader.
(Dall’86’ KRUNIC: SV).

SAELEMAEKERS 6
Gioca sempre a due tocchi, anche quando potrebbe tenere la palla tra i piedi. Probabilmente oggi è stato il peggiore.
(Dal 46′ CASTILLEJO 6: il solito Samu che dà l’anima in campo, ogni tanto però servirebbe più qualità).

LEAO 6
Va bene l’assist, va bene la conclusione parata alla grande da Cordaz, ma lui può e deve far di più. Sono troppe partite che, nel momento del salto di qualità, gioca una gara “normale”, e se vogliamo lo scudetto sul petto ci serve il vero Rafael Leão.
(Dal 62′ CALHANOGLU 7: entra e spacca la partita. Per buona pace dei cugini. Decisivo).

REBIC 7,5
È tornato in modalità DevastANTE…finalmente.
(Dal 77′ HAUGE 6: dopo pochi secondi dal suo ingresso rischia la frittata con un retropassaggio di testa. Poi gioca in modo ordinato).

IBRAHIMOVIC 8
CINQUECENTOUNO, dobbiamo aggiungere altro?
(Dal 77′ MANDZUKIC 6: sfiora il primo gol col Diavolo. Per il resto scende in campo con la testa giusta e fa il suo).

PIOLI 6,5
Fa entrare Hakan nel momento giusto e torna in testa. Bravo a credere in Meité dandogli continuità. Questo Milan gioca bene e vince, merito suo.