Resta in contatto con Daily Milan
SQUADRA:5 – Primo tempo decisamente imbarazzante tanto che all’apparenza sembra, quella rossonera, una squadra che abbia perso ogni voglia di lottare, di stare “sul pezzo”. E’ pur vero che il pallone “gira” con una discreta disinvoltura ma anche con sistematica, esasperante lentezza e a ritmi decisamente compassati. Una squadra slegata, senza convinzione ne in se stessa e neppure in quel poco che fa. Ad inizio ripresa Gattuso corre ai ripari con un paio di cambi che sembrano, almeno in apparenza, dare maggiore equilibrio e dinamicità al collettivo ma a gioco lungo si torna alle solite e giustamente si viene ulteriormente penalizzati dal raddoppio biancoverde. Ancora un tonfo, rimediabile, ma serve rivedere qualcosa soprattutto sul piano tattico.
DIFESA:5 –Non si sa davvero cosa dire: oltre al gol di Sanabria, la retroguardia imperniata soprattutto su capitan Romagnoli (5) e Zapata (5), ha rischiato almeno in un paio di occasioni – nella prima parte di gara – di subire anche di più e per fortuna che gli attaccanti sivigliani non sono parsi in particolare serata di grazia altrimenti sarebbero stati davvero guai grossi. Neppure Calabria (5) che si è fatto saltare più di una volta dal suo dirimpettaio, e Laxalt (5,5) si sono salvati dal marasma generale. E per fortuna che la gran parte dei tifosi avrebbero voluto cacciare Donnarumma per vedere all’opera Reina (5). Beh, lo abbiamo visto: bella davvero la paperonzola sul primo gol degli spagnoli.
CENTROCAMPO:5 – Male, malissimo Bakayoko (4,5), un poco meglio Biglia (5) qualcosa di più Bonaventura (5,5). Ma troppo poco tutti perché non hanno saputo dare sostegno alla difesa e in chiave offensiva hanno perso sistematicamente le misure e non hanno potuto incidere come avrebbero potuto e dovuto.
ATTACCO:5 – Borini in fascia destra non pervenuto (5), discorso diverso, invece, – palo colpito nella ripresa e l’assist per la rete di Cutrone – per Castillejo (5.5 “ rosso” a parte) sulla corsia mancina. Assai confusionario lo spagnolo anche perché sistematicamente braccato e raddoppiato dagli avversari, ma quando c’è da metterci lo zampino lui trova sempre modo di… esserci. Giocasse un po’ di più, vero Rino? E Gonzalo Higuain? (5) Ha avuto una sola occasione in finale di tempo per mettersi in evidenza e regalare il pareggio al Milan ma si è incapponito nel voler dribblare anche il portiere perdendo palla e… testa. Un disastro.
ALLENATORE – Gennaro Gattuso:5 -Avrebbe dovuto essere, la partita di Europa League con il Betis, quella della rinascita dopo il tonfo nel Derby, invece, s’è rivelata l’ennesima brutta figura per un Milan ancora da costruire. E lui, il buon Ringhio, in questo sconquasso ci ha messo anche molto del suo.
SOSTITUZIONI:
dal 46’ fuori Bakayoko dentro Cutrone 6 – “El segna semper lu,,,”. Puntuale come un orologio svizzero, ancora una volta il giovanotto mette la firma sulla partita ma è un gol che serve solo e mitigare l’amaro in bocca.
dal 46’ fuori Borini dentro Suso 5,5 – Qualcosa meglio di Borini. Tanta buona volontà, tanto impegno ma poca concretezza.
Dall’80’ fuori Biglia dentro Bertolacci s.v. – Troppo poco per un immediato giudizio.