Resta in contatto con Daily Milan

Pagelle

Milan-Napoli, le pagelle: che disastro Dalot (4,5), Rebic cambia volto al Diavolo (6)

Avatar

Pubblicato

il

G. DONNARUMMA 6
Impegnato nel primo tempo al 16′ in tuffo su Zielinski e al 58′ della ripresa su Fabian Ruiz. Sul gol ha poche colpe.

DALOT 4,5
Un disastro. Soffre le discese del Napoli, non costruisce cross e pericoli, perde la palla in occasione del gol di Politano a inizio ripresa.

GABBIA 5,5
Al 16′ Zielinski si inserisce senza troppe difficoltà e va al tiro. In quell’occasione ha metà responsabilità, divisa con Tomori. Lento, non perfetto nelle chiusure, sfortunato nella ripresa quando si trasforma senza volerlo (ovviamente) in difensore azzurro e devia una concclusione di Rebic.

TOMORI 6
Più pulito di Matteo nelle chiusure, difende per tre. Un gigante da riscattare subito e tenersi stretto.

HERNANDEZ 5,5
Verticalizza per Leao dopo quattro minuti, cerca il dialogo più volte con Krunic ma non accende mai il turbo.

TONALI 6
Qualche sbavatura ma anche tanto lavoro sporco. Punizione ben calibrata al 70′ per la testa di Rebic (Ospina però si trasforma in Superman e salva il risultato). Continua la crescita per Sandro, sempre più in fiducia e sempre più continuo.

KESSIE 6,5
Ordinato, leader, non sbaglia praticamente nulla. Anticipa di testa Koulibaly su corner a fine primo tempo. Pioli lo fa rifiatare inserendo Meite negli ultimi 25 minuti.
(Dal 67 MEITE 6: pulito negli interventi, si dà da fare).

CASTILLEJO 5
Bene un recupero su Hysaj, buono un passaggio a Leao superata la mezzora, male una conclusione a inizio ripresa. Ha qualche responsabilità insieme a Dalot sulla palla persa trasformata in gol dalla formazione azzurra.
(Dal 60′ SAELEMAEKERS 6: entra con l’atteggiamento giusto ma non riesce a incidere come vorrebbe. Comunque sufficiente).

CALHANOGLU 5,5
Rientra dopo un lungo stop, corre, va a prendersi la palla, lancia Leao in profondità e cerca anche la conclusione. Ma può e deve fare di più.
(Dal 60′ DIAZ 5,5: senza Calha e con Brahim in campo la musica non cambia. Un pò confuso).

KRUNIC 5
Decisamente meno brillante e ispirato rispetto alle prove con Verona e Manchester United, pesta spesso i piedi a Theo Hernandez.
(Dal 60′ REBIC 6: entra e nell’ordine sforna un assist a Leao, che Rafa però non tramuta in gol, clamorosamente, e cerca la rete prima con una conclusione alta e poi impegnando Ospina di testa. Con lui in campo è un altro Milan. Nel recupero viene espulso per proteste: mezzo punto in meno perché era diffidato e quindi sarà costretto a saltare la sfida di Firenze).

LEAO 5
Cerca di sorprendere Ospina dopo quattro minuti di gioco, al 20′ vince un duello con Maksimovic ma mette alto, tredici minuti più tardi ci riprova con un destro potente che l’estremo difensore ospite intercetta in due tempi. Nella ripresa ha una ghiotta occasione al 65. Non gestisce bene le azioni in contropiede.
(Dal 79′ HAUGE SV).

PIOLI 5,5
Passo indietro per il suo Milan, ancora nel vortice dell’emergenza. Se i sostituti giocano meglio dei titolari, qualcosa vuol dire che nelle scelte non ha funzionano. Pesa poi il quarto ko nelle ultime sei partite interne di campionato.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *