Resta in contatto con Daily Milan

Dopo la grandissima campagna acquisti del Milan, una delle migliori d’Europa, Mister Montella è molto soddisfatto. Oltre al grande lavoro svolto dalla società anche i giocatori si stanno comportando nel migliore dei modi. Adesso, è però il momento di fare sul serio e l’aeroplanino sembra trarre benefici da questa enorme pressione. Ecco le parole del tecnico dei rossoneri al Corsport: «Chi fa questo mestiere non può sottrarsi dalle responsabilità. Quindi io sono contento della squadra che è stata allestita, sento una grande responsabilità, ma sono anche molto molto motivato. E’ stata costruita una squadra per raggiungere alcuni obiettivi. Arrivando dieci calciatori c’è bisogno di un po’ di tempo, di un po’ di adattamento, per chi proviene dal campionato straniero ancora di più. Se poi aggiungiamo che sono anche giovani, ovviamente c’è bisogno di più tempo. Questo in teoria, perché conosco il calcio italiano e so benissimo che di tempo non ce n’è mai tanto. Ma sono pronto ad accogliere questa sfida molto stimolante».

Su Donnarumma: «Credo che la società sia stata molto brava a trattenerlo. Credo che lui abbia deciso di rimanere perché questo è l’ambiente ideale a questo punto della sua carriera e credo che nel Milan possa crescere ulteriormente».

Su Cutrone, al momento in gran forma: «E’ un calciatore che sta crescendo moltissimo. Fin dalla fine dell’anno scorso ha avuto una crescita importante, infatti l’ho fatto debuttare alla penultima di campionato. Devo dire che l’ho trovato quest’anno ancora migliorato e cresce giorno per giorno. E’ un prospetto su cui dobbiamo assolutamente lavorare».

Obiettivo: «L’accordo con la società è quello di non disperdere l’entusiasmo della tifoseria e tantomeno deludere le aspettative. Dobbiamo diventare squadra nel minor tempo possibile e provare a raggiungere l’obiettivo della Champions. Se non lo raggiungessimo, sicuramente sarebbe un grave danno economico, anche di immagine. Però in Italia la competitività è molto alta e ci sono squadre ad oggi che, anche se hanno fatto meno mercato di noi, sono leggermente avanti. Squadre che nella programmazione sono più avanti. Top player? Ad oggi sono stati comprati dei calciatori certi, quindi top per il nostro livello e top per il calcio italiano, anche a livello internazionale. Sicuramente è stata miscelata bene la scelta dei calciatori, sono stati presi giocatori pronti, calciatori bravi, che possono dare molto. Quindi io credo che il patrimonio che è stato speso non si disperderà e allora è solo una questione di tempo. Abbiamo delle certezze, abbiamo dei giocatori che possono assolutamente crescere nel tempo». E in Europa League: «Mi aspetto di arrivare in fondo, di non sottovalutarla, che ci porti abitudine a giocare in settimana in Europa e sia in qualche modo anche una preparazione per il futuro. Per altre competizioni importanti. Insomma, per la Champions. Il nostro vero obiettivo».

Aubameyang, Belotti, Kalinic…: «Stiamo ragionando, sono diversi tra loro, ma sono tutti giocatori che potrebbero benissimo sposare la nostra idea di calcio. Bonucci? Diciamo che è stata un’opportunità di mercato. All’inizio sembrava irrealistica ma la società ha lavorato in maniera egregia. Lui ci darà molto sia in termini tecnici di esperienza, ma anche di predisposizione al lavoro e sarà un grande esempio. E se lo darà al Milan non lo darà ad altri. Sicuramente ci siamo rinforzati noi. E’ arrivato molto competitivo. Estremamente professionale, è arrivato in punta di piedi e con me ha avuto un approccio ottimale». Invece, ecco il giocatore dei sogni: «Ronaldo. In passato mi piaceva tanto anche Zidane però. Giovani? Noi ne abbiamo già diversi. Locatelli è giovanissimo, Calabria è giovane, Donnarumma stesso è giovane. Diciamo che in squadra ho tanti giocatori che già si sono affacciati, già imposti. Sono soddisfatto di quelli che ho a disposizione».

Si è poi passati ad un argomento molto discusso nella ultime settimane, il capitano: «Ci sto ancora pensando. Avrò un’indicazione precisa dalla società. Si vuole sancire l’avvio di un nuovo corso, perciò sicuramente tra capitano e vice ci sarà un nuovo acquisto tra i due. Bonucci è l’indiziato, insieme a Biglia. Sto prendendo tempo perché credo che la scelta sia da condividere tra la società che darà indicazioni precise, l’allenatore e la squadra. Anche i tifosi si devono rispecchiare in questa decisione».

Gli avversari: «Ad oggi la squadra che si è rafforzata di più, escludendo noi, sicuramente è il Napoli perché è riuscito a trattenere tutti i campioni. Ma il mercato non è finito, manca ancora un mese abbondante. Tutto questo può anche essere stravolto».

Mister Montella ha poi parlato di un suo ex compagno, al centro di una lunga telenovela sul suo addio. Ecco ciò che ha detto Montella su Cassano: «Antonio ha caratteristiche che hanno in pochi. Sicuramente è puro, quindi secondo me ci ha provato a giocare di nuovo e probabilmente ha capito che non poteva fare più quello che ha fatto in passato, probabilmente il fisico non seguiva più le sue intenzioni oppure le sue idee e quindi ha lasciato. Credo che abbia dato veramente una grande dimostrazione di maturità».

Infine si è soffermato a parlare dell’avversario da battere, la Juventus: «La Juve ha cambiato dei calciatori, ha investito molto, ma non sai mai come reagiscono i nuovi, gli adattamenti come saranno. Credo che una squadra che rimanga con lo stesso allenatore, con gli stessi calciatori abbia un vantaggio competitivo. Champions? Io penso che l’esperienza che i calciatori hanno, che la società ha, siano un fattore importante. La Juve negli ultimi anni ha fatto due finali di Champions e questa è un’esperienza che sicuramente conta molto».

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.