Resta in contatto con Daily Milan

Reazioni

Pepe Reina: «Donnarumma è tra i quattro portieri più forti del mondo»

Avatar

Pubblicato

il

L’ex Napoli, fino a gennaio compagno di squadra di Gigio al Milan (e oggi in prestito all’Aston Villa) si racconta in una Q&A su Instagram insieme a “Che Fatica La Vita Da Bomber”.

Pepe Reina è stato ospite oggi in diretta Instagram sulla community “Che Fatica La Vita Da Bomber”. Tanti i temi affrontati dal portiere spagnolo del Milan, da gennaio e fino al termine della stagione in prestito in Premier all’Aston Villa. Ecco le sue dichiarazioni.

IL LOCKDOWN: «Sto bene! Sono a casa insieme alla mia famiglia e sto facendo fare tanti compiti ai miei cinque figli. La Società mi ha allestito una piccola palestra in casa, mi alleno ogni giorno».

LA FILOSOFIA DI PEPE: «È importante lasciare il segno prima come uomo e poi come giocatore. Ci credo fortemente. Bisogna sempre dare tutto, per la squadra e per i tifosi».

IL RIGORE PARATO A BALOTELLI NEL 2013: «Me lo ricordo, era Milan-Napoli. Sono stato il primo portiere a paragli un rigore dopo che ne aveva realizzati 21 di fila. A fine gara ci siamo scambiati la maglia, perché comunque Mario è un grande giocatore».

L’AMICIZIA CON MERTENS: «Ciro, così è stato soprannominato a Napoli, è veramente un grande. Dentro al campo è un fenomeno».

LE “SUE” SQUADRE: «Dove mi sono divertito di più è stato a Liverpool, in campo, a Villarreal invece negli spogliatoi. La squadra più importante a livello calcistico invece è stata il Napoli».

GLI ALLENATORI: «Benitez è l’allenatore che mi ha fatto crescere maggiormente. Nella mia carriera è stato fondamentale. Sarri è quello che imprecava di più in assoluto (ride, ndr). Il più permaloso è stato Brendan Rogers. Con Roy Hodgson mi trovai in difficoltà, aveva un modo strano di interpretare il calcio».

I QUATTRO PORTIERI PIÙ FORTI IN ATTIVITÀ: «Dico Alisson, Oblak, Donnarumma e Neuer».

DONNARUMMA: «Gigio è fortissimo. È molto giovane, ma dimostra già tanta maturità. È un portiere incredibile».

IL PORTIERE PIÙ FORTE DI SEMPRE: «Non posso fare un solo nome, perché per ogni epoca c’è stato almeno un portiere di livello. Zubizarretta era il mio idolo da bambino. Buffon ha scritto pagine importanti del calcio. Casillas e Schmeichel sono stati due portieri di altissimo livello».

IL DIFENSORE CHE GLI HA TRASMESSO PIÙ SICUREZZA: «In Italia Koulibaly. Lui e Albiol in coppia erano veramente insuperabili. Poi Sergio Ramos nella Spagna. È stato uno dei difensori più forti che abbia mai visto».

IL DIFENSORE CON CUI AVREBBE VOLUTO GIOCARE: «Sicuramente Paolo Maldini. Averlo davanti in difesa mi avrebbe trasmesso molta sicurezza».

IL NUMERO UNO DEL CALCIO MONDIALE: «Leo Messi oggi è il più forte di tutti».