Resta in contatto con Daily Milan

Milanello

Pioli, Belgrado e il turnover: si scaldano Tonali e Mandzukic. Rebic, derby a rischio

Avatar

Pubblicato

il

Mischia le carte Stefano Pioli, un po’ per dare la scossa a un gruppo che nelle ultime nove partite affrontate ha perso quattro volte (contro Juventus, Atalanta e Spezia in campionato e Inter in Coppa Italia), un po’ per arrivare al derby del weekend senza il rischio di avere giocatori in debito di ossigeno. Così a Belgrado, giovedì sera per l’andata dei sedicesimi di Europa League contro la Stella Rossa dell’ex nerazzurro Dejan Stankovic, il Milan avrà un trucco diverso rispetto a quello visto – si fa per dire – sabato sera al “Picco”. Sandro Tonali e Mario Mandzukic scenderanno in campo titolari – per l’ex Juve sarà la prima in rossonero dall’inizio – e prenderanno il posto di Bennacer e Leao.

Rebic out, salta la sfida in Europa League

Intanto nella settimana di avvicinamento a un doppio impegno per il Milan dai toni già decisivi, non cala la preoccupazione attorno alle condizioni fisiche di Ante Rebic. L’attaccante croato sabato a La Spezia è stato obbligato a seguire i compagni in tribuna a causa di un trauma al tendine rotuleo sinistro accusato durante l’ultimo allenamento dei rossoneri prima della partenza per la Liguria. Ante verrà controllato dai medici del Club nelle prossime ore ma pare già scontata la sua assenza giovedì in Serbia.

Mossa a sorpresa per tornare in…Hauge?

Difficilmente riuscirà a recuperare per il derby di domenica pomeriggio, il che aumenta le possibilità di vedere ancora una volta a destra la staffetta tra Rafa Leao e Mario Mandzukic. A meno che Stefano Pioli non intenda proporre a sorpresa Hauge dal primo minuto. L’esterno norvegese fuori dalla Lista Uefa è finito da qualche settimana nelle retrovie dell’organico ma non per demerito: quando schierato con una certa continuità aveva strappato applausi e attestati di stima. L’ex Bodo/Glimt avrebbe tutta la settimana per concentrarsi sul derby, l’unico del gruppo a Milanello con questo “privilegio”.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *