Resta in contatto con Daily Milan

Conferenza Stampa

Pioli: «C’è convinzione e voglia di ripartire. Vogliamo andare avanti a tutti i costi»

Avatar

Pubblicato

il

Imperativo: ripartire con energia positiva. Domani sera il Milan ospita la Stella Rossa a San Siro per il ritorno dei sedicesimi di Europa League. Si riparte dal 2-2 dell’andata: «Il vantaggio è piccolissimo e quindi non possiamo che gestire la gara con la massima attenzione e un’alta qualità della prestazione, se vogliamo passare il turno». Stefano Pioli non usa giri di parole nella conferenza stampa della vigilia.

Il Milan deve provare a uscire dal tunnel di inizio 2021 ripartendo dai propri punti di forza: «Il nostro è un percorso difficile, ma è normale quando si alza livello. Dopo il derby ho visto convinzione e voglia di ripartire e dimostrare di essere una squadra che gioca un ottimo calcio. Purtroppo siamo riusciti a fare le cose per bene solo negli ultimi 15 minuti del primo tempo e nei primi 10 del secondo. Nel resto della sfida c’è stata poca intensità, poco ritmo. Non è un fallimento cadere in queste partite, il fallimento sarebbe stare fermi nel punto di caduta».

Ritornando al pesante ko nel derby, sono piovute pesanti critiche su capitan Romagnoli. Pioli frena polemiche e disfattismi: «È un gioco brutto e sporco quello di individuare un colpevole nella sconfitta. Perché il Milan vince e perde di squadra. Lui ha fatto tanto per proteggere questo gruppo e i giovani che ne fanno parte. La difesa sta soffrendo? È sbagliato dividere la squadra in reparti. Se abbiamo preso qualche gol di troppo è perché siamo stati poco compatti in fase difensiva».

Altro tema all’ordine del giorno la presenza di Zlatan Ibrahimovic a Sanremo la prossima settimana: «Con lui parlo tutti i giorni e la settimana scorsa abbiamo messo in piedi un programma. Salterà un paio di allenamenti ma sarà disponibile per le partite. Se c’è un campione in grado di reggere una pressione simile è lui. Anzi, uno come lui ne trae ancora più determinazione e motivazione per aiutare la squadra».

È iniziato il periodo più delicato e intenso della stagione, Pioli però non sembra preoccupato: «Giocare ogni tre giorni non mi dà ansia. Me ne darebbe non poterlo fare perché non sono in Europa. È un obiettivo cercato con tanta voglia, ho le risorse in rosa per giocare ogni tre giorni. Vogliamo andare avanti a tutti i costi. Alleno un gruppo determinato e volenteroso per tornare ai livelli a cui siamo abituati, questo è un gruppo che non si demoralizza quando arriva un risultato negativo. Alla squadra ho detto che alla fine del campionato mancano novanta giorni, che voleranno via e saranno i 90 giorni decisivi. Se le cose andassero per il meglio magari quei giorni potrebbero essere 93, ovvero fino alla finale di Europa League».