Resta in contatto con Daily Milan

Conferenza Stampa

Pioli, occhi solo sul Benevento: «Il passato non conta, vogliamo continuare a crescere»

Avatar

Pubblicato

il

Ancora lui, Pippo Inzaghi, l’eroe di un Milan ingordo di vittorie e che mangiò ovunque (per usare un termine caro a Zlatan Ibrahimovic) in Italia, in Europa e nel mondo. Domani Super Pippo si ritroverà ancora una volta di fronte al suo passato, dopo la breve parentesi della stagione 2018/19 vissuta sulla panchina del Bologna. Il 18 dicembre 2018 il Bologna di Inzaghi fermò il Milan di Gattuso 0-0 allo stadio Dall’Ara. Precedente che va a sommarsi ai due incroci tra i rossoneri e il Benevento, una stagione prima: 2-2 all’andata al “Ciro Vigorito”, con rimonta dei padroni di casa allo scadere con il portiere Brignoli, 0-1 a San Siro nel mese di aprile. L’unica volta contro Pippo Inzaghi il Milan non ha vinto, stessa sorte fin qui contro il Benevento.

Un motivo in più per mantenere la concentrazione sul match di domani, senza voltarsi indietro per riguardare gongolandosi al meraviglioso cammino del 2020: «Ci troveremo contro uno squadra che sta bene – spiega Stefano Pioli in conferenza stampa alla vigilia della partita –, una squadra che gioca un buon calcio, in condizione. Lì hanno perso punti Juventus e Lazio. Il Benevento è allenato bene. Affrontarlo sarà difficile e per questo dovremo giocare da Milan. Un anno fa cominciavamo a gettare le basi, ora le fondamenta ci sono. Abbiamo necessità e voglia di continuare a crescere».

Questo Milan vuole cavalcare l’entusiasmo che si è creato in spogliatoio e nell’ambiente che lo circonda: «Prima delle partite, nel lavoro quotidiano vedo grande attenzione e concentrazione – sottolinea Pioli –. L’entusiasmo arriva solo dopo le vittorie. Sto chiedendo ancora di più alla squadra, quello che abbiamo fatto fin qui non conta niente. Tutti a Milanello, io per primo, dobbiamo fare di più per essere più ambiziosi. È stato un 2020 importante e positivo perché tutte le componenti del club hanno messo a disposizione il massimo potenziale: lavoro, cura dei particolari, attenzione. Ripartiamo con grande entusiasmo, fiducia e convinzione dei nostri mezzi. Dobbiamo continuare a pensare a una partita alla volta, analizzarle bene, risolvere gli errori e capire meglio i nostri punti di forza. Adesso gli avversari ci aspettano, ci conoscono, ma anche noi abbiamo qualità e vogliamo metterle in campo dando sempre il cento per cento».

Rientra solo Castillejo

Per la partita di domani a Benevento recupera solo Samu Castillejo, out sul finale di Milan-Lazio per un indurimento al flessore: «Tutti gli infortunati lavorano bene, stanno cercando di recuperare ma non so dare tempistiche certe. Ibra sta meglio, anche lui è concentrato e ha l’obiettivo di rientrare il prima possibile. Il suo impegno a Sanremo? È talmente un campione di professionalità e così attento e maniacale nella sua preparazione che sicuramente coglierà anche quell’occasione per dimostrarlo».

«Il gol più bello del 2020? L’ultimo, ma è più importante il prossimo che realizzeremo. Sarà una stagione bella e motivante e arriverà anche la Coppa Italia. Dobbiamo pensare a quello che c’è ancora da fare. I tifosi li sentiamo vicini senza la loro presenza, immaginiamoli allo stadio con quale spirito ci darebbero una mano in più. Speriamo possa accadere il prima possibile». Chiosa sul calciomercato di riparazione che avanza lentamente: «Stiamo pagando un momento delicato, l’obiettivo primario è recuperare gli infortunati. Ho un organico competitivo, domani però comincia il mercato e il club è pronto a cogliere occasioni se si presenteranno».