Resta in contatto con Daily Milan

Reazioni

Pioli: «Una brutta serata ma sapremo rialzarci»

Avatar

Pubblicato

il

Stefano Pioli analizza ai microfoni di DAZN la deludente prestazione del Milan questa sera contro lo Spezia: «Dobbiamo reagire e sicuramente lo faremo. Lo Spezia ha vinto meritatamente. Questa è la nostra prima sconfitta meritata. Troppa poca intensità, troppa poca qualità. Una brutta serata ma sapremo rialzarci. Ripartiremo come abbiamo sempre fatto. Non siamo una squadra capace di vincere partite sporche. Abbiamo sempre cercato di puntare sul ritmo e sulla qualità, oggi non ci siamo riusciti e siamo stati poco determinati. Non hanno funzionato le mie scelte e non ha funzionato la prestazione dei giocatori, la classica giornata storta. Non siamo questi qua, dobbiamo ripartire».

E ancora: «Siamo consapevoli della partita negativa ma altrettanto consapevoli delle nostre qualità e delle prossime partite. Non ci aspettavamo una partita del genere, né io né i miei giocatori. Analizzeremo quello che non ha funzionato. Fino alle 20.40 eravamo convinti di aver fatto tutto per aver preparato al meglio la partita. Probabilmente oggi siamo stati meno lucidi nel reagire alla difficoltà. Avevamo preparato soluzioni che oggi non ci sono riuscite, la partita si è complicata e abbiamo fatto altri errori. Sicuramente il fatto di non dare ritmo ha favorito i nostri avversari che potevano scivolare senza perdere spazi e riferimenti. Una prestazione tecnica assolutamente insufficiente. Stasera non ha funzionato nulla purtroppo, sia con che senza palla. Dovremo ripartire con grande determinazione, abbiamo la capacità per riprenderci».

Sulle condizioni di Rebic: «Ha avuto un trauma, una mezza distorsione che non gli ha permesso di scendere in campo. Non dovrebbe essere particolarmente grave, spero di averlo a disposizione per giovedì. Se Ibra ha parlato in spogliatoio? Dopo la partita c’era troppa delusione, è giusto che sia così. Giusto uscire da questo campo a testa bassa. Nello spogliatoio nessuno ha parlato perché eravamo tutti delusi dalla nostra prestazione».