Resta in contatto con Daily Milan

News Milan

Report fa chiarezza sul Milan: la Proprietà americana, lo stadio, chi controlla oggi il Club rossonero?

Avatar

Pubblicato

il

C’è attesa per la puntata di Report in onda lunedì sera su Rai 3: si parlerà di Milan e di stadio, di chi incide oggi sulle decisioni strategiche della Società rossonera dopo lo tsunami cinese e il rischio del fallimento.

Report, la trasmissione di Rai 3 in prima linea su inchieste a approfondimenti sul mondo della politica, dell’economia e della società, ha messo nel mirino il Milan del Fondo Elliott. Nella puntata in onda lunedì sera si attendono scintille: Report si chiede chi rappresenta davvero oggi la proprietà del Club rossonero, passata di recente da tre fase distinte, quella berlusconiana che tanti trionfi ha conquistato in Italia e nel mondo, a quella cinese, apparsa fin da subito traballante, fino alla storia dei giorni nostri, segnata dal rilancio del “sogno americano”: riportare il Diavolo ai fasti di un tempo.

Ma quali volti controllano il Milan dietro le quinte? Oggi la Elliott Management Corporation della famiglia Singer gestisce il 95,7 per cento del Club e ha contribuito al 96 per cento della sua ricapitalizzazione. Ma nel board c’è anche la Blue Skye Investment Group, società di gestione degli investimenti e asset manager fondata da Salvatore Cerchione e Gianluca D’Avanzo nel 2004, con un track record di oltre 2 miliardi di euro. Nel 2018, Elliott e Blue Skye hanno costituito in Lussemburgo la Project Redblack, società per erogare il prestito alla Rossoneri Lux del cinese Yonghong Li.

Il quadro dipinto è fitto di mistero e Report cercherà di fare il più possibile chiarezza. Anche sulla costruzione di un nuovo impianto per la Città di Milano, il nuovo Stadio di San Siro, che dovrebbe sorgere nel piazzale antistante la storica struttura intitolata a Giuseppe Meazza. Un tema dibattuto tra amministratori e cittadini e anch’esso intriso di mistero, al centro di una delicata battaglia ancora in parte priva di un vincitore.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *