Resta in contatto con Daily Milan

Analisi

Tatarusanu chiude la porta: il rigore parato nel derby è un premio per la sua crescita

Pubblicato

il

Dopo aver smaltito le scorie del derby c’è un nome sulla bocca di tutti i tifosi milanisti: il nome di Ciprian Tatarusanu. Il portiere rumeno ormai ha difeso la porta del Milan in diverse occasioni, e piano piano si sta dimostrando un giocatore affidabile. Il precampionato non esaltante del numero 1 rossonero aveva fatto un po’ preoccupare i tifosi dopo l’infortunio di Mike Maignan. Eppure Tata ha lasciato parlare il campo, dove sta sfornando prestazioni di livello.

La partita contro la Roma ha dato buoni spunti, con due belle parate a chiudere la porta rossonera negli ultimi minuti di partita. Contro il Porto si è superato con due interventi prodigiosi (soprattutto il primo) con i quali ha tenuto a galla un Milan che stava rischiando tantissimo. Ma la partita di Tata è il derby. Già lo scorso anno, nella partita di Coppa Italia vinta dall’Inter per 2-1, il portiere era proprio lui, e anche all’epoca giocò una buonissima partita, con tanti interventi difficili. Quest’anno si è ripetuto con il rigore parato a Lautaro Martinez. È stato in sostanza l’unico intervento della partita, perché sull’altro rigore nerazzurro non è riuscito a intervenire, mentre gli altri tiri in porta dell’Inter sono stati ribattuti dai difensori rossoneri prima che lui potesse fare qualcosa.

Un percorso in netta crescita che dimostra l’affidabilità di un portiere esperto e con tante partite da titolare alle spalle. Certo, quando tornerà Maignan sarà lui l’estremo difensore del Milan, ma di certo Ciprian non lo sta facendo rimpiangere. E sta portando anche punti importanti per la causa rossonera e per non restare indietro rispetto al Napoli, in quello che è un testa a testa che sa di anni ‘80.