Resta in contatto con Daily Milan

Casa Milan

Tatarusanu, il Milan fa quadrato: titolare anche in coppa. Donnarumma scalpita, ma sul rinnovo non c’è fretta

Avatar

Pubblicato

il

Le parole di Pioli e il messaggio del Club: fiducia nel portiere romeno, che resta il vice Gigio anche in Europa League. Donnarumma-Milan: nessuna improvvisa accelerata.

Nel calcio mai superare quel limite, il limite che separa critica costruttiva e annotazione ridicola. Sotto i riflettori della polemica da lunedì sera (la serata di Milan-Roma) è finito quasi subito Ciprian Tatarusanu, vice Donnarumma tra i pali, contro i giallorossi di Fonseca colpevole di aver macchiato con tre interventi di misura diversa il monday night rossonero. Diciamolo subito: sotto la pioggia battente scatenata da social network e media, il Milan ha aperto un vistoso ombrello a protezione del suo numero uno, ex Fiorentina, Nantes e Lione: la fiducia del Club nei confronti del portiere romeno è intaccabile e di stima, poi, è superfluo parlarne. Il primo a sistemare la faccenda con tanto di puntini sulle “i” è stato Pioli già nell’immediato post partita di San Siro: «Tatarusanu è forte, gli errori fanno parte del calcio» ha detto il tecnico. Ciprian sarà quindi titolare anche domani sera contro lo Sparta Praga al Meazza, secondo avversario del Diavolo nella fase a gironi di Europa League. Anche l’ex portiere del Milan Giovanni Galli ha spezzato una lancia a favore del “Tata” finito sulla graticola: «Errori del genere – ha commentato – sono comprensibili quando non si gioca mai».

Intanto Donnarumma scalpita. Gigio ho postato ieri sui social una foto dove appare visibilmente annoiato: “Quanto manca?” si chiede, a un giorno appena dall’inizio dell’isolamento lontano dai compagni. Gigio è risultato contagiato da Covid-19 così come Petter Hauge nel giro di tamponi a cui il gruppo-squadra si è sottoposto domenica. Salterà ovviamente sia il match di domani a San Siro, sia quello di domenica in campionato alla Dacia Arena di Udine. Tra Milan e Gigio c’è un filo diretto che va oltre qualsiasi rapporto strettamente lavorativo. Oggi, dopo gli errori di Tatarusanu contro la Roma, si torna a parlare con insistenza di rinnovo del contratto di Gigio (che scade il prossimo 30 giugno), ma la verità è che ogni tipo di discorso – già avviato – sarà ripreso con estrema tranquillità nei prossimi mesi. Non c’è fretta: Donnarumma vuole rimanere al Milan, il Milan farà di tutto per accontentare lui e il suo agente, Mino Raiola. Con Raiola il rapporto si è sciolto dall’arrivo del Fondo Elliott dopo stagioni di costante burrasca. Attorno alla trattativa legata al prolungamento sia di Gigio sia del fratello Antonio vige tra Mino e Casa Milan un patto di totale riservatezza. Ecco perché tra i virgolettati – dei diretti protagonisti quantomeno – da mesi se ne parla poco.