Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Theo Hernandez, svolta vicina?

Avatar

Pubblicato

il

La sua forma non è ancora al top ma Theo Hernandez sembrerebbe carburare un po’ alla volta e quando lo fa… Diventa molto difficile stargli dietro! Nel match contro la Juventus, però, la sua prestazione non è stata ancora delle migliori.

La più grande sbavatura nel corso della partita è stata quella che lo ha visto protagonista, insieme a Saelemaekers, in occasione del gol di Alvaro Morata. Tuttavia, alla fine, l’episodio non è stato eccessivamente gravoso sul risultato.

Analizzando la prestazione di Theo nel suo complesso, un po’ come il resto della squadra, è stato più attivo nella seconda frazione di gioco. Ciò di cui il Milan ha bisogno sono le sue sgroppate sulla fascia, le sue fiammate, le sue accelerazioni capaci di seminare il panico nelle difese avversarie e le sue reti.

I rossoneri hanno bisogno delle avanzate di Theo Hernandez e delle sue giocate, un po’ come quella arrivata a pochi minuti dalla fine di Juventus-Milan. In quell’occasione, il terzino aveva offerto un assist al bacio a Kalulu che per poco non metteva in rete il pallone.

Theo deve tornare ad essere costantemente lucido e non intermittente nelle prestazioni. Anche contro il Liverpool, purtroppo, non aveva brillato. Ma, come dicevamo, il giocatore francese ha già mostrato in passato di dover rodare il motore prima di fare faville.

Dunque, se è vero che determinate prestazioni sono al di sotto delle aspettative in lui riposte, è altrettanto reale che il suo valore rimane indiscutibile. Le qualità di Theo Hernandez sono ben note e sono frutto del grande lavoro che svolge e del suo talento.

Sicuramente, Theo ritroverà la miglior forma e la brillantezza che lo fanno essere una punta di diamante per la squadra guidata da Pioli. Il suo spirito di sacrificio, la sua determinazione, la sua corsa, le sue giocate e i suoi gol torneranno a deliziare. Il prossimo impegno che il Milan affronterà sarà contro il Venezia: che sia la partita della svolta?

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *