Resta in contatto con Daily Milan

Primo Piano

Tonali… Che colpo per il Milan!

Avatar

Pubblicato

il

Sandro Tonali si è preso il Milan. Lo sta dimostrando da inizio stagione e, nel match contro l’Atalanta, la sua stella ha brillato più che mai davanti agli occhi di una Dea che non è riuscita a mettere in ombra lui e i suoi compagni. Suo il delizioso secondo dei tre gol della squadra di Pioli.

E’ cresciuto, Sandro. Dopo una prima stagione in rossonero nella quale non era riuscito ad esaltare come ci si attendeva, nell’annata in corso ha iniziato con un piglio decisamente differente. In estate, per proseguire il suo rapporto con il Milan, Tonali si è addirittura ridotto l’ingaggio. Un segnale importantissimo che ha poi tradotto in grande qualità sul campo.

Dando uno sguardo ai numeri, nella stagione 2020-2021 Tonali ha fatto registrare complessivamente 37 presenze, senza riuscire a siglare reti e a confezionare assist. Va dato atto che il primo anno in un nuovo club non è sempre semplice da affrontare e, forse, Sandro aveva bisogno di ambientarsi e di trovare la chiave giusta per venir fuori.

E Stefano Pioli e la squadra lo hanno evidentemente aiutato a trovarla, come si sta vedendo nell’annata in corso. Sino ad oggi ha complessivamente fatto segnare 9 presenze, ha 2 gol all’attivo e un assist: numeri completamente diversi da quelli dello scorso anno.

Ma, indipendentemente dalla matematica, il salto di Tonali è arrivato soprattutto sotto gli aspetti mentale, fisico e di gioco. Un Sandro capace di spadroneggiare in mezzo al campo, che va a viso aperto ad affrontare gli avversari; ha preso consapevolezza dei suoi mezzi, lavora per affinare le sue doti e per metterle a disposizione della squadra nel migliore dei modi.

Insomma, Tonali si è finalmente accesso e brilla. Un valore aggiunto per il Milan e, perchè no, per la Nazionale. Nato del 2000, Sandro può e deve maturare ancora tanto sotto il profilo calcistico ma sta dimostrando di avere tanto da dare al movimento. E’ difficile dire dove potrà arrivare ma le premesse sono buonissime. E, come sempre, sarà il campo a dire la sua.

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *