Resta in contatto con Daily Milan

Pagelle

Verona-Milan, le pagelle: Krunic monumentale (8), tutti promossi!

Pubblicato

il

G. DONNARUMMA 6
Bravo in costruzione, sicuro nelle uscite, e poco chiamato in causa. Ordinaria amministrazione per Gigio.

CALABRIA 6,5
Solita corsa in fase offensiva e attenzione in fase difensiva. Oscura Zaccagni che viene sostituito dopo un’ora scarsa. Tiene botta con Salcedo e Dimarco, concedendo il minimo.

TOMORI 6,5
Nel primo tempo un retropassaggio troppo debole rischia di compromettergli la prestazione. Al 77’ consente lo stacco a Ceccherini che rischia di riaprire la partita, ma per il resto è padrone del ruolo e non sbaglia niente.

ROMAGNOLI 6,5
Gioca d’anticipo su Lasagna e fornisce sicurezza al reparto. Insieme al compagno di reparto alzo lo scudo difensivo.
Una rivincita verso chi lo critica apertamente.

DALOT 7
Gettato nella mischia all’ultimo per il forfait di Theo. Sfodera un gran gol per spazzare le critiche e riacquistare fiducia in vista della partita col Manchester, che per lui deve valere più che per gli altri.

KESSIE 8
Protagonista assoluto del centrocampo.
Mostra i muscoli prima a Barak, poi a Tameze e Bessa. Recupera palloni su palloni e non sbaglia mai una giocata.
Migliore in campo!

MEITE 7
Dominante nel primo tempo e delizia anche tecnicamente con alcune giocate di alta scuola. Giocatore che sta crescendo di partita in partita. L’unica colpa che ha è quella di giocare di fianco a un mostro assoluto che gli toglie la scena…

SAELEMAEKERS 6,5
Il migliore degli offensivi nei 90 minuti. Corre tanto e imbuca l’assist per Dalot.

KRUNIC 8
Oh mamma! Mi è sembrato di vedere David Beckham…
Il buon Rade ha confezionato il vantaggio dei rossoneri con una perla da far luccicare gli occhi. Attento negli ultimi minuti a salvare sulla linea di porta un colpo di testa di Ceccherini. Solo Kessie gli ha tolto la palma di migliore in campo.

CASTILLEJO 6
Non si può bocciare nessuno dopo la grande prestazione di oggi, ma onestamente dal “flaco” ci aspettiamo qualcosa in più. A inizio anno doveva essere lui il titolare, ed ora non sta facendo granché per riconquistare il posto…
(Dal 78′ HAUGE 6: difficile fare la differenza e giocare in fiducia quando il minutaggio è così basso, ma entra e aiuta i compagni. C’è bisogno anche di lui in questo periodo è si fa trovare sempre disponibile.

LEAO 6
Una partita fatta più di ombre che di luci. Più di quantità che di qualità, ma anche per lui vale quanto detto per Castillejo. Il portoghese non riesce a esprimersi da prima punta, ma quello che gli si chiede è di avere più fame, e in questo delude.

PIOLI 7
In emergenza assoluta tiene alta la tensione e guida i suoi per 90 minuti. Altri 3 punti meritati su un campo difficile. Bravo mister!