Resta in contatto con Daily Milan

Marco Fassone presenta l’ambizioso progetto di rilancio del club ai microfoni di Milan TV.

Marco Fassone ha parlato ai microfoni del canale tematico rossonero a seguito dell’assemblea dei soci tenutasi quest’oggi a Casa Milan: «Ho avuto il piacere di spendere del tempo con i nostri azionisti, bello condividere con loro i nostri progetti e la nostra voglia. Abbiamo messo in chiaro due temi chiave: gli investimenti che faremo per il settore calcistico saranno importanti, perché la squadra va rinforzata e dovremo cercare di essere competitivi. Il riverbero di queste azioni, a livello bilancistico, è che anche nei prossimi anni non avremo dei bilanci eccezionali, proprio perché spenderemo grosse cifre».

OBIETTIVI
«La volontà dei nuovi azionisti è essere forti sul campo e sani a livello economico, e in Italia non è così facile. Speriamo in 3 anni di raggiungere questo target prefissato. Abbiamo ancora davanti un anno di sacrifici economici che speriamo possano portare risultati immediati».

STADIO
«Sono due i concetti principali. La pianificazione e l’intenzione del club è quello di valutare una modifica sul piano strutturale, del quale abbiamo già accennato al sindaco di Milano nell’incontro di dieci giorni fa. Ma nel frattempo, non è detto che San Siro non possa essere sviluppato meglio in questi anni. Il primo passo è alzare la media dei tifosi allo stadio, ora sta a noi riportare i nostri tifosi a San Siro. Sarebbe un doppio vantaggio, sia a livello economico che a livello sportivo».

INGAGGI
«Nell’ultimo anno abbiamo analizzato un calo sul monte ingaggi, legato anche al calo dei risultati sportivi. Abbiamo la sensazione che, nell’aggiungere giocatori di un certo livello e di un certo peso, questo monte ingaggi potrebbe nuovamente crescere negli anni venturi. Ho però rassicurato gli azionisti che ci sarà un’asticella, un limite massimo che sarà ben presente a tutti, sempre sotto controllo. Anche perchè sappiamo come la Uefa controlli i ricavi e preveda determinate percentuali».

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.