Resta in contatto con Daily Milan

Curiosità

Milan, 5 cose che non sai su Charles De Ketelaere

Pubblicato

il

Milan-Torino, De Ketelaere si dispera dopo un'occasione mancata.

Ecco 5 cose che forse non sapevi su Charles De Ketelaere: cinque piccole curiosità sul trequartista del Milan…

La nuova esperienza rossonera non è certo iniziata bene per Charles De Ketelaere. Il trequartista belga è stato il fiore all’occhiello della campagna acquisti estiva del Milan, ma l’investimento operato dal Diavolo per strapparlo al Club Brugge, per 32 milioni, non è stato per ora ripagato dalle prestazioni.

Il ragazzo ha però ancora a disposizione tempo per convincere l’intero ambiente rossonero. Intanto, andiamo a vedere 5 curiosità sul belga che forse non conoscevate!

Charles De Ketelaere: 5 piccole cose che forse non sapevate su di lui

Milan, 5 cose che non sai su Charles De Ketelaere

LEGGI ANCHE Milan, Stefano Pioli vince la Panchina d’Oro

Pallone da calcio…o da tennis. Da adolescente brillava in diversi sport, tra cui il tennis. A 12 anni, infatti, era considerato uno tennista molto promettente. Charles segue da sempre con grande ammirazione Roger Federer.

Il Kubb. Il trequartista rossonero è un grande appassionato anche di Kubb, un gioco di origini svedesi che ricorda il bowling, dove l’obiettivo è quello di abbattere i 5 kubb (dei parallelepipedi in legno) degli avversari.

Il Milan come avversario… .Charles De Ketelaere ha affrontato il Milan da avversario nell’edizione del 2019 del Torneo di Viareggio. La sfida, valevole per gli ottavi di finale della rassegna, si è chiusa sul punteggio di 2-2, con il Bruges vincente ai calci di rigore.

…ed anche gli Azzurri. De Ketelaere ha segnato il suo primo gol con la maglia della Nazionale proprio contro l’Italia. Il belga ha segnato il goal della bandiera nella finale per il 3° posto della Uefa Nations League, dove gli Azzurri hanno piegato il Belgio per 2-1.

Avvocato o calciatore? CDK si è in passato iscritto all’Università, optando per la facoltà di Giurisprudenza. Il suo approdo nel calcio professionistico lo ha poi spinto ad abbandonare gli studi di Legge, per dedicarsi totalmente al football…

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *