Resta in contatto con Daily Milan

Queste le parole di Vincenzo Montella ai microfoni di Milan TV.

Vincenzo Montella ha parlato ai microfoni di Milan TV prima di partecipare alla consueta conferenza stampa pre-partita. Il tecnico rossonero ha dichiarato: «Sono tornati tutti bene dalla sosta, chi ha fatto il viaggio oltreoceanico come Bacca e Zapata sono da valutare giorno per giorno. Abbiamo bisogno di tutti e della massima motivazione da parte di tutti».

Sulle pressioni in vista dei prossimi match: «Le pressioni le avevo anche da giocatore quando giocavo contro il Milan perchè era probabile che perdessi. Non ho pressioni particolari, l’ambiente è sempre mentalizzato per vincere. Rispetto all’Inter? Non ho la smania di arrivare un punto davanti all’Inter, mi piacerebbe per molteplici motivazioni, anche quelle del tifoso che sarebbe particolarmente contento. Dobbiamo concentrarci e se sarà così sono certo che ce la faremo ad arrivare in Europa».

Su Lapadula: «Si meriterebbero di giocare sia Bacca che Lapadula. Lapa-Pescara? Non posso farmi prendere dall’emotività, devo pensare esclusivamente alla preparazione della partita».

Su Zeman: «Ero alla Samp, consigliò lui il mio acquisto. Andai a Trigoria a fine campionato, dopo pochi giorni venne esonerato e mi ritrovai Capello allenatore. C’è un bel ricordo di questa vicinanza, mi ricordo che ero molto entusiasta di essere allenato da lui. Ha fatto le fortune di tantissimi attaccanti, pur avendo allenato tanti bravi attaccanti. E’ un maestro e talvolta non riesci a trovare l’antidoto. La partita di domani è molto pericolosa perchè hanno potuto preparare questa partita in due settimane quasi a completo regime».

Su Deulofeu: «Fa piacere avere un riconoscimento del lavoro del nostro staff. Scherzando con lui l’ho ringraziato anche a nome dello staff, ma l’abbiamo stuzzicato dicendogli di fare gol non solo con la Spagna».

Vincenzo Montella, allenamento 1 marzo

Vincenzo Montella, allenamento 1 marzo

Commenta

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.